Condividi la notizia

MUSICA ROVIGO

Giovi incanta Ferrara con la sua voce

Il sedicenne di Rovigo, all’anagrafe Giovanni Guarnieri, si è aggiudicato il secondo posto del concorso “Cantautori a corte” dove si sono esibiti 12 finalisti provenienti da tutta Italia

0
Succede a:

FERRARA - Si è svolta sabato 13 luglio a Ferrara la finale del concorso "Cantautori a corte” patrocinato dal Comune di Ferrara all'interno degli spazi della Factory Grisù dove si sono esibiti i 12 finalisti, venuti da tutta Italia, scelti dopo apposita selezione.

Tra questi il sedicenne rodigino Giovi (all'anagrafe Giovanni Guarnieri, frontman della band polesana Bamboo) il quale, reduce dall'esperienza al prestigioso Premio Fabrizio De Andrè e in corsa nell'imminente Festival “Voci per la Libertà – Amnesty” dove si esibirà in duetto con la nota band trevigiana Massimo Francescon Band, ha deciso di presentare un proprio nuovo inedito dal titolo “L'Uomo che perde i ricordi” piazzandosi sul podio al secondo posto.

Lo struggente brano, per pianoforte e voce, tratta il tema delicato della malattia dell'Alzheimer. Il giovane artista ha però voluto così precisare nella propria pagina Facebook: “La canzone non l'ho scritta con l'intenzione di parlare di questa malattia. O almeno non solo per questo motivo. Lo scopo è stato quello di affermare che a mio giudizio non si sparisce mai, perché si vive nelle persone che ci stanno accanto, anche a dispetto del male, se abbiamo saputo amare e donare qualcosa nella nostra vita”.

Presentati dalla bravissima Elisa Giorio di Radio Sound, i concorrenti si sono esibiti davanti ad una giuria composta, tra gli altri, dal presidente Paolo Nannetti autore e musicista bolognese, esponente di rilievo del new prog italiano post anni ’70, da Leonardo Veronesi noto cantautore ferrarese, Paolo Ranzato conduttore radiofonico di Radio Sound.

Grande la soddisfazione di Leonardo Veronesi e Silvia Bottoni organizzatori del contest inserito nella rassegna Autori a Corte curata da Federico Felloni e Vincenzo Iannuzzo, ideato con lo scopo principale di dare voce e luce a nuovi progetti musicali e di riportare l’attenzione sulla musica italiana originale in un momento in cui sempre più spesso si moltiplicano le cover band e le esibizioni si limitano alla esecuzione di brani già editi, quasi sempre stranieri, togliendo spazio alla creatività 

Al termine della serata, dopo una sofferta votazione sono stati individuati dalla giuria i tre vincitori. Primo classificato: Simone Guidi con il brano “Naufraghi del mondo”; secondo classificato: Giovi con il brano “L'Uomo che perde i ricordi”; terzo classificato: Cirino Romano con il brano “Felice”.

Articolo di Martedì 16 Luglio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it