Condividi la notizia

CALCIO PRIMA CATEGORIA ROVIGO

Caos Rovigo: il caso Gabrielli approda in Consiglio

Questione sull’utilizzo dello stadio di viale Tre Martiri che tiene ancora banco, Rovigo Ssd pronto a fare un’azione legale, Grandi Fiumi, la neonata società di calcio giovanile, tutelata dal sindaco Gaffeo

0
Succede a:

ROVIGO - Continua il caos in casa Rovigo Ssd con i cugini dei Grandi Fiumi (LEGGI ARTICOLO), che pretendono il rispetto di un accordo, che di sé per sé è stato tagliato in più parti (nel vero senso della parola e con la penna) e che chiaramente deve essere ancora completato. Già nelle premesse tale accordo è di per sé sbagliato, in quanto si dice che il Rovigo Ssd svolge attività di prima squadra e juniores, questione assolutamente non più attuale, dato che la società ha in essere anche il settore giovanile (LEGGI ARTICOLO).  

Da qui l’inghippo per i Grandi Fiumi, dato che lo stesso Rovigo Ssd sostiene che la disponibilità dei campi sarà concreta nel momento in cui s’iscriveranno le squadre del settore giovanile del Rovigo Ssd, in quel momento, e solo in quello la società gestita dall’amministratore unico Maurizio Formenton avrà la possibilità di dare disponibilità in base agli spazi rimasti. 

L’accordo è stato protocollato il 24 luglio scorso, ma sono diversi i tagli fatti, tra cui anche lo stesso articolo che definiva il comune di Rovigo garante di questo accordo, quindi quasi un passo indietro dello stesso, che però, in questi ultimi giorni sembra essersi rifatto avanti con la voce dell’assessore allo sport Erika Alberghini  (LEGGI ARTICOLO) e della lista civica “Con Edoardo Gaffeo Sindaco” (LEGGI ARTICOLO)

Un cane che si morde la coda. Rovigo Ssd “titolare” dell’impianto, se riuscirà ad allestire tutte le formazioni giovanili, come pare, dovrà contendersi lo spazio con i Grandi Fiumi.

Accordo firmato a Palazzo Nodari che norma anche il premi di preparazione dei ragazzi, sicuramente il Comune non è la sede per definire certi atti.

La premessa iniziale del solo settore giovanile a carico dei Grandi Fiumi è errata, per cui lo stesso accordo non può essere valido (LEGGI ARTICOLO). Inoltre è veramente difficile da capire per quale motivo il comune vuole cercare una forzatura nel dire che l’impianto, essendo pubblico, e non privato, è accessibile a tutti essendoci una convenzione in deroga già esistente. Stadio Francesco Gabrielli che potrà essere riassegnato dopo un apposito bando che potrà essere sviluppato solo quando lo stesso sarà a norma di Legge (ora non lo è). 

Due le possibilità: o il sindaco revoca l’utilizzo dell’impianto al Rovigo Ssd motivando la decisione attraverso il dirigente preposto, oppure cerca una soluzione diversa per la società che si occupa esclusivamente di settore giovanile. Difficile, per motivi di spazi, che entrambi i settori giovanili delle due società possano giocare ed allenarsi nello stesso impianto.

Troppe questioni irrisolte e un Rovigo Ssd che andrà per vie legali per far valere la propria posizione. Capiremo anche il 30 luglio in consiglio comunale cosa succederà.

Articolo di Lunedì 29 Luglio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Per approfondire

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it