Condividi la notizia

CALCIO SECONDA CATEGORIA ROVIGO

Le aspirazioni per la compagine neroverde sono alte

Inizia la stagione della Villanovese. Martedì 30 luglio la squadra si è riunita per sentire le parole di dirigenza ed allenatore.

0
Succede a:

VILLANOVA DEL GHEBBO (Rovigo) – Martedì 30 luglio è iniziata ufficialmente la stagione della Villanovese, con tante novità e giocatori che cercheranno di fare la differenza per una stagione di grande rilancio

Le aspirazioni quest’anno per la compagine neroverde sono alte, in quanto si punta al salto di categoria, anche se già nella scorsa stagione le intenzioni erano più o meno le stesse. Al campo di Villanova del Ghebbo era presente gran parte della squadra con la dirigenza e ovviamente il presidente Antonio Vigna, che ha accolto tutti con una stretta di mano e una pacca sulla spalla cercando di far sentire tutti a casa propria. Dopo la consueta richiesta della taglia per le divise è proprio il patron neroverde che dichiara davanti ai propri giocatori: “Quest’anno voglia cercare d’ottenere altre belle soddisfazioni per arrivare alla vittoria che ci spetta, per cercare in tutte le maniere di arrivare in cima alla classifica; è stato fatto un gran lavoro dal direttore sportivo Paolo Donegà e credo che possiamo toglierci delle belle soddisfazioni, con un allenatore nuovo, che ha le idee ben chiare”. 

Successivamente è il ds Paolo Donegà stesso che spiega: “Per il prossimo campionato abbiamo puntato sui giovani, in quanto sono una risorsa importante e soprattutto sappiamo che se c’è la giusta amalgama tra loro e i giocatori con maggiore esperienza, allora la squadra può funzionare meglio. La scorsa stagione questa sinergia è mancata ad un certo punto del campionato e sono situazioni che non devono accadere; ricordate quindi che per qualsiasi cosa la mia porta è sempre aperta”. Infine, è il neo allenatore Gianmario Pellegrini che racconta la sua idea di preparazione e come procedere in queste prime settimane d’allenamento: “Vorrei far presente prima di tutto che è indispensabile l’unità del gruppo, per cui per qualsiasi problema sappiate che io ci sono sempre; i miei allenamenti non avranno tempi morti, ma saranno sempre intensi”. “Sarò il primo ad arrivare e l’ultimo ad andare via, ma voglio che tutti abbiano la giusta motivazione per l’avventura che ci aspetta”.

Articolo di Mercoledì 31 Luglio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it