Condividi la notizia

DIRITTI ESCLUSIVI DI PESCA

Valeria Mantovan: Sulla pesca la Provincia sbaglia. Il Consorzio la denunci

La consigliera di Fratelli d'Italia accusata di imprudenza quando si votò contro la revoca della concessione al Consorzio pescatori "L'atteggiamento di Dall'Ara e segretario generale è inaccettabile"

0
Succede a:

ROVIGO - Valeria Mantovan, consigliera provinciale di Fratelli d'Italia, non le manda a dire ai suoi colleghi di Palazzo Celio. "Il comportamento della Provincia è inaccettabile: disertare un tavolo tecnico organizzato dalle massime autorità è a dir poco arrogante e irrispettoso. Si sta configurando quello che temevo  (LEGGI ARTICOLO, ndr) e che mi ha portato a votare contro alla delibera di revoca della convenzione, nonostante qualche consigliere di maggioranza mi abbia tacciata di imprudenza e inesperienza per questo. Critiche accettabili perché non ci volevano anni di esperienza per capire che la promessa dei 15 anni era una gran presa in giro perpetrata al solo scopo di calmare gli animi e poter far passare la revoca".

"Oggi chiediamo con forza che ai pescatori venga data la gestione delle lagune per una durata che consenta loro di poter programmare il lavoro, in quanto è un atto dovuto nel rispetto della piena legalità. Infatti il diritto esclusivo è un diritto soggettivo a carattere patrimoniale ed è quindi disciplinato dal diritto privato e non dal diritto pubblico/amministrativo che comporta l’obbligo di procedere a bandi o gare. La Cassazione nella decisione n. 653/1985 è andata oltre affermando che l’Atto con il quale l’ente pubblico attribuisce l’utilizzo dei diritti esclusivi rimane un atto di diritto privato qualificabile in termine di affitto e perciò attribuibile per una durata liberamente stabilita dalle parti (in questo caso il consorzio). Dire che i diritti esclusivi sono soggetti al diritto privato significa che per la loro concessione non è necessario andare a bando e che possono essere attribuiti dalla provincia in maniera chiara e diretta senza limiti temporali". 

La titubanza che Il presidente della Provincia e la segretaria generale sono evidenti. "Questo atteggiamento - dice Mantovan - nel procedere all’affidamento dei diritti esclusivi al consorzio è pericolosa e potrebbe far scoppiare una bomba di ordine sociale ed occupazionale. Invito pertanto il Consorzio, qualora la risposta negativa sia sorretta da una motivazione insufficientemente fondata, a denunciare la Provincia oltre che per danni all’ immagine, anche e soprattutto per la configurazione da parte dei vertici provinciali del reato di Omissione di atti d’ufficio, dato che tutto il mondo, compreso il Governo, gli sta chiedendo di procedere alla firma della convenzione e questi non ottemperano.

Concludo con un secondo appello: qualora la Provincia continui a fare ostruzionismo su questa questione di fondamentale importanza, invito i consiglieri che hanno votato a favore della revoca della convenzione con false speranze e che oggi non lo rifarebbero a spaccare la maggioranza e a passare tra le fila dell’opposizione".

Articolo di Sabato 3 Agosto 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it