Condividi la notizia

MALTEMPO PORTO TOLLE

Roberto Pizzoli pronto a chiedere lo stato di calamità

Dopo l'emergenza nella Sacca di Scardovari comincia la conta dei danni subiti. Il primo cittadino Il sindaco di Porto Tolle ha già interessato Venezia: “Da parte della Regione c’è piena disponibilità”

0
Succede a:
PORTO TOLLE (Rovigo) – Sembra essere tornato tutto alla normalità a Porto Tolle, in quanto l’energia elettrica è ritornata in gran parte del paese, ma ci sono ancora i tecnici dell’Enel in giro per il territorio per sistemare gli ultimi malfunzionamenti e ristabilire al meglio i collegamenti danneggiati.

Il numero di capannoni scoperchiati, oltre a qualche casa e serra è in via di definizione, ma i danni sono comunque ingenti e per questo è stato chiesto lo stato di rischio proprio dal sindaco Roberto Pizzoli. “Lo stato di rischio è il passo propedeutico per quello che sarà poi la richiesta dello stato di calamità; da parte della Regione e del governatore Luca Zaia c’è piena disponibilità, per cui cercheremo di andare avanti proprio su questo iter”. “Ieri 3 agosto è stata una giornata impegnativa, con Vigili del Fuoco, Protezione Civile e Vigili Urbani impegnati su un largo fronte, oltre a tanti volontari che ci hanno dato una mano per sistemare una situazione veramente difficile ed impegnativa”. Insomma, Porto Tolle ha bisogno ancora di aiuto, anche se in questi giorni ha dimostrato ancora una volta di essere una cittadina unita e pronta a qualsiasi evenienza.  
Articolo di Domenica 4 Agosto 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it