Condividi la notizia

REGIONE VENETO

Demanio navigazione, "La Lega non può sovraccaricare di funzioni i Comuni"

Demanio navigazione. Intervengono i consiglieri regionali Bartelle, Ruzzante e Guarda (Veneto 2020) a sostegno dei sindaci di Pollesella, Pettorazza, Rosolina e Porto Tolle

0
Succede a:

VENEZIA - “Siamo d’accordo con i sindaci di Pollesella, Pettorazza, Rosolina e Porto Tolle: la Lega non può sovraccaricare di funzioni i Comuni senza prevedere anche la possibilità di dotarsi di una struttura in grado di amministrarle”.

Proprio Leonardo Raito, primo cittadino del comune di Polesella, aveva sollevato la questione (LEGGI ARTICOLO). In base alla Legge Regionale n. 46 del 29 dicembre 2017 (Legge di stabilità regionale 2018) la Regione del Veneto ha disposto il conferimento ai Comuni delle funzioni amministrative relative al rilascio delle concessioni del demanio della navigazione interna a partire dal 1 gennaio 2018, prevedendo inoltre la riscossione dei canoni demaniali inclusi gli oneri istruttori e dei depositi cauzionali. Per i piccoli comuni con pochi dipendenti è un bel problema.

“L’argomento del contendere è la riscossione dei canoni gravanti sul demanio della navigazione interna ‘scaricato’ dalla Regione ai Comuni i quali lamentano di non avere i mezzi per gestire questo compito”.

Così i Consiglieri Regionali Patrizia Bartelle (italia in Comune), Piero Ruzzante (Liberi e Uguali) e Cristina Guarda (Lista Civica per il Veneto) recentemente riunitisi nel coordinamento politico ‘Veneto 2020’ che aggiungono:

“Prima di prendere decisioni del genere, bisognerebbe ascoltare il parere di chi subirà gli effetti della legge in discussione. In questo caso si dovevano sentire i sindaci per capire la fattibilità della norma. Ora è tardi e bisogna correre ai ripari”.

“Ma d’altro canto - continuano Bartelle, Ruzzante e Guarda - questa è la Lega: a parole vicina ai cittadini ma di fatto lontana anni luce dalla realtà tanto da non rendersi conto che ad un passaggio di funzioni deve far seguito un aumento di risorse”

“È proprio sulla base di queste situazioni che abbiamo costituito il coordinamento Veneto 2020 aperto a tutti coloro i quali intendano liberarsi della Lega alle elezioni regionali dell’anno prossimo. Salviamo il Veneto”.

Articolo di Martedì 6 Agosto 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it