Condividi la notizia

BERGANTINO (ROVIGO)

Paracadutista rodigino porta il tricolore a Cattolica

Mauro Tenani, 56enne di Rovigo, Luogotenente carica speciale dei carabinieri e comandante Norm della Compagnia di Legnago (Vr) protagonista con 30 paracadutisti a Cattolica

0
Succede a:

CATTOLICA (RIMINI) - Domenica 4 agosto 2019 sulla spiaggia della Regina alla Lampara di Cattolica (Rn), dalle 18 alle 20, si è tenuta una delle più importanti manifestazioni ludico sportive della riviera adriatica, evento questo che ha visto partecipare 30 paracadutisti per la maggiore italiani, tutti altamente selezionati e con migliaia di lanci al loro attivo. 

Durante la manifestazione, che oramai da sei anni si tiene a Cattolica nello stesso periodo con un crescente successo di pubblico, si sono esibiti nelle varie discipline paracadutistiche i migliori atleti del settore, presentando nuovi materiali e nuove attrezzature con soluzioni strabilianti per prestazioni da brivido, esaltate dai fumogeni posizionati sui parà. Si è avuta inoltre l’esibizione di un trio di aerei acrobatici Yak nonché le evoluzioni di un professionista del paramotore, ovvero un’elica motorizzata imbragata sulla schiena dell’atleta che sospinge un idoneo paracadute e che gli permette “numeri” incredibili. 

A rappresentare la provincia di Rovigo solcando il cielo sopra il Lamparino, anche in questa occasione, è stato Mauro Tenani, 56enne di Rovigo residente a Bergantino (Rovigo), Luogotenente carica speciale dei carabinieri e comandante il Norm della Compagnia di Legnago (Vr). 

Mauro, paracadutista sin dall’inizio degli anni 80, con migliaia di lanci al suo attivo, si è lanciato sulla verticale della “Lampara”  tenendo il pubblico (fra cui molti rodigini in vacanza) con il fiato sospeso fino all’ultimo decollo dal Pilatus Porter di “Turbolenza” partito da Fano che, da un’altezza di 3.000 metri e dopo una caduta libera di 35 / 40 secondi   ha aperto il proprio paracadute a circa 1.000 metri sul mare, estraendo da una sacca fissata anteriormente alla sua imbragatura un tricolore  grande quasi quanto un mini appartamento che l’ha reso visibile da grande distanza. Il paracadutista di “CRW Italia” associazione specializzata nel “canopy”, letteralmente “Pilotaggio della Velatura”, che consiste nell'utilizzo di paracadute a profilo alare ad alte prestazioni per atterraggi ad alta velocità con lunghe flare (frenate), dopo varie evoluzioni è atterrato  sulla spiaggia della Regina accompagnato dalle  note dell’inno nazionale,  chiudendo di fatto i lanci.

Inutile dire che la manifestazione, magistralmente organizzata, costituisce un evento originale, fuori dagli schemi e dalle abitudini di spiaggia, per cui sono selezionati solo paracadutisti esperti, con oltre 1.500 lanci all'attivo e questo la rende ancor più avvincente. 

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Venerdì 9 Agosto 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it