Condividi la notizia

POLITICA ROVIGO

Elena Biasin invita la minoranza a non strumentalizzare i cittadini per cercare visibilità

Per rimettere le cose in ordine ci vuole metodo e tempo. Inutile pretendere che Edoardo Gaffeo abbia la bacchetta magica per risolvere anni di inerzia ed abbandono

0
Succede a:
ROVIGO - La capogruppo della lista "Edoardo Gaffeo - perché cresca felice", Elena Biasin, replica alla nota trasmessa al Comune di Rovigo da Monica Gambardella (LEGGI ARTICOLO) che chiede chiarimenti al Sindaco e alla Giunta in merito ad una situazione a "macchia di leopardo" nella gestione dei problemi di rifacimento del manto stradale e sfalcio dell'erba, ma anche ai consiglieri che stigmatizzano mancanze in termini di viabilità, illuminazione, sicurezza.

"Il rimettere in ordine è uno dei punti fondamentali del programma di Edoardo Gaffeo - comunica Biasion - e prevede, in primo luogo, una attenta attività di ricognizione, da parte della nuova amministrazione, di tutti i necessari interventi di manutenzione nel territorio comunale.
A questa verifica preliminare deve seguire una programmazione di tali interventi che tenga anche conto delle emergenze eventualmente segnalate di volta in volta dai cittadini che sono, va detto, molteplici anche in considerazione del fatto che negli anni scorsi ben poco e’ stato fatto per dare adeguate risposte".

Fa dunque riflettere che le sollecitazioni arrivino dalla minoranza quando nulla o poco è stato fatto in precedenza dalle forze politiche che oggi pretendono, dal nuovo sindaco, una soluzione in meno di tre mesi.
In particolare, per quanto riguarda le proteste dei residenti di Via Adige relativa ad una vasta area incolta e degradata che crea, potenzialmente, problemi di decoro e salute per gli abitanti della zona, si sottolinea il tempestivo sopralluogo dell’assessore Giuseppe Favaretto alla fine di luglio.

L’area in questione è di proprietà privata e l’amministrazione può intervenire solo una volta accertato, nel rispetto dei tempi stabiliti dalle norme di legge, che il proprietario non abbia ottemperato all’ordine impartito dall’Ente.
Nel caso specifico il Sindaco ha già firmato una ordinanza in tal senso e sarà dunque necessario seguire questo iter e la sua tempistica".

A parere della capogruppo, in definitiva, gran parte degli interventi di questo tipo da parte della minoranza sembrano trovare giustificazione nella volontà di cercare una visibilità tardiva strumentalizzando singole e legittime segnalazioni dei cittadini e problemi sui quali l’attuale amministrazione si sta tempestivamente attivando nel rispetto, come già detto, dei tempi e delle modalità richieste da una adeguata attività di programmazione.
Articolo di Giovedì 22 Agosto 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it