Condividi la notizia

TRIBUNALE

Scandalo Iras. In quattro possono tornare a lavorare

Due Oss e due inservienti ottengono dal Giudice la revoca della misura cautelare che impediva loro di svolgere la professione. Sono coinvolti nell’inchiesta dei maltrattamenti all’Iras di Rovigo

0
Succede a:

ROVIGO - Dopo l’inchiesta, e le indagini della Squadra Mobile di Rovigo  (LEGGI ARTICOLO), che avevano portato al divieto di svolgere attività professionali di dipendenti in strutture sanitarie a nove operatori che lavoravano all’Iras di Rovigo, il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale, Pietro Mondaini, ha revocato la misura per quattro lavoratori. LEGGI L’ARTICOLO SUGLI INTERROGATORI DEGLI INDAGATI

Si tratta di due Oss e due inservienti, in sei avevano chiesto, attraverso i propri legali, la revoca della misura, il Giudice ne ha accolte quattro. Teoricamente potrebbero tornare a lavorare, ma l’Iras di Rovigo ha sospeso tutti in attesa di una indagine interna, dopo aver visionato i filmati dei maltrattamenti. GUARDA L'INTERVISTA AL DIRETTORE DELL'IRAS 

Per il Gip non sussistono più i presupposti per la reiterazione del reato. Tutti e nove sono accusati di maltrattamenti aggravati in concorso nei confronti di anziani ospiti non autosufficienti. Tre gli anziani presi di mira secondo le contestazioni, la Polizia aveva piazzato telecamere e microspie dopo la denuncia di una operatrice.

Articolo di Venerdì 23 Agosto 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it