Condividi la notizia

CULTURA 

La rassegna continua nel segno del ricordo

Continua il festival “Ruggero Sichirollo”. Seconda tappa con “El Mistero del Visentin Narciso” portato in scena da Proposta Teatro Collettivo presso la corte “La Bordeghina” di Pontecchio Polesine (Rovigo)

0
Succede a:

PONTECCHIO POLESINE (RO) – Il teatro unisce e fa fronte anche al maltempo. Questa sembra essere in breve la descrizione del primo appuntamento con il teatro che ha dato avvio al festival “Ruggero Sichirollo” tenutosi lo scorso sabato presso Corte Bussari di Arquà Polesine. Con la compagnia teatrale Teatro dei Pazzi di San Donà di Piave, è stato possibile ricreare atmosfere “Dai campi al mar” insieme al coraggioso pubblico presente dopo un accenno di temporale prontamente fermatosi prima dell’avvio dello spettacolo.

La rassegna continua nel segno del ricordo dell’amico e attore prematuramente scomparso, Ruggero Sichirollo, anima attiva della compagnia che organizza la rassegna sostenuta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, ovvero Proposta Teatro Collettivo

E proprio con la compagnia arquatese si continua il percorso pensato per le corti rurali che si sta sviluppando nel Medio Polesine. Sabato 31 agosto alle 21.15 presso “La Bordeghina” in via Guglielmo Marconi 1477 a Pontecchio Polesine, sarà infatti di scena uno degli ultimi lavori realizzati sul palco dal Collettivo, ovvero “El Mistero del Visentin Narciso”, testo di Gianni Sparapan in due atti, per la regia di Giorgio Libanore.

Un testo storico che si sviluppa proprio nell’ambiente della corte che fa da fil rouge della rassegna iniziata presso il Castello Estense di Arquà Polesine e che continua con un giallo ambientato all’epoca della rivolta contadina detta “la boje”, movimento di popolo che interessò soprattutto il Polesine. La prospettiva è però un’altra perché “la boje” rimane sullo sfondo, come paesaggio di una vicenda privata che arriva ad avere i contorni di un vero e proprio giallo.

La storia, in equilibrio tra ironia e dramma, ruota attorno alla misteriosa scomparsa del giovane bovaro Narciso, nome forse sintomatico di una bellezza intrinseca del personaggio stesso che in qualche modo fa portare Lina, ragazza di alto rango, ad innamorarsi di lui... O forse no? 

La compagnia Proposta Teatro Collettivo fin dal debutto, nel 1975, si caratterizza per il gusto del coinvolgimento, la musica il grottesco ed ha prodotto una quindicina di lavori, premiati in vari concorsi regionali e nazionali. La location selezionata, ovvero “La Bordeghina”, è un centro antico, le cui prime tracce risalgono all’età del Bronzo. Si inserisce nel territorio di Pontecchio che assume la sua forma attuale con la bonifica fatta dagli Estensi signori di Ferrara alla fine del ‘400. Nel 1560 la tenuta era già di proprietà della famiglia veneziana dei Grimani e la casa presentava una struttura in canne e paglia come viene successivamente confermato nel 1615. “Bordeghina” deriverebbe da un certo Bordeghin, fittavolo dei Grimani.

La casa assume la sua forma attuale dopo una ristrutturazione ottocentesca in cui viene aggiunto il piano del granaio e si costruisce la cantina per il vino. L’ultimo recupero è avvenuto nel 1996-97 da parte del proprietario Enrico Maragno. Location unica e spettacolo all’insegna della suspense sono gli ingredienti della serata. Nell’intervallo sarà disponibile un ricco buffet gratuito. Costo d’ingresso 6 euro. È caldamente consigliata la prenotazione al numero 3441350020.

Articolo di Mercoledì 28 Agosto 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it