Condividi la notizia

POLITICA

"Anche i nostri morti italiani meritano di essere ricordati"

Il consigliere di minoranza Paolo Baruffaldi ha steso un bandiera italiana su 4 dei 5 finti cadaveri della mostra di Andrea Dodicianni nell'atrio del comune di Adria per ricordare le vittime italiane

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - "Dodicianni ha lanciato una provocazione e io l'ho accettata; adesso sfido qualcuno a toglierele". Cosi il consigliere di minoranza Paolo Baruffaldi, che alle 13.30 del 7 settembre ha steso la bandiera italiana su 4 delle 5 finte salme coperte dal velo bianco che sono state esposte nell'atrio del comune dall'artista Andrea Dodicianni (LEGGI ARTICOLO) contro la discriminazione.

"Sono del parere - spiega Baruffaldi - che bisogna ricordare le morti di imprenditori schiacciati dalla crisi, dei terremotati, di Desiree e di tanti addetti alle forze dell'ordine". 

"Con questo non voglio dire che le morti in mare non contano, ma sono alla pari di tutte le altre, i morti non hanno nome, proprio per questo ho lasciato una finta salma completamente bianca". 

Specificando che: "Non è giusto ricordare solo certe morti, bisogna ricordarli tutti".
Insomma, Andrea Dodicianni ha provocato e Paolo Baruffaldi ha risposto colpo su colpo.
Stefano Spano
Articolo di Sabato 7 Settembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it