Condividi la notizia

CARABINIERI

Guiderà oltre 5 mila militari dell’Arma nelle sette province 

Avvicendamento a Mestre (Venezia) passaggio di consegne tra il generale di divisione Giuseppe La Gala e il generale di brigata Fabrizio Parrulli che ha assunto il comando della Legione carabinieri “Veneto” ​​​​​​​ e quindi anche della provincia di Rovigo 

0
Succede a:

MESTRE (VE) - Il 12 settembre 2019, nella piazza d’Armi delle caserma “Caposile” di Mestre, alla presenza del comandante interregionale “Vittorio Veneto”, generale di corpo d’Armata Enzo Bernardini, ha avuto luogo la cerimonia di avvicendamento del comandante della Legione carabinieri “Veneto” tra il generale di divisione Giuseppe La Gala e il generale di brigata Fabrizio Parrulli.

A rendere gli onori agli alti ufficiali, un reparto di formazione costituito da militari dei vari comandi e specialità dei carabinieri del Veneto, presenti gli organi di rappresentanza (Co.ba.r. e Co.i.r.) nonchè i comandanti delle limitrofe legioni “Emilia Romagna”, “Trentino Alto Adige” e “Friuli Venezia Giulia”.

Nel corso della cerimonia il generale Giuseppe La Gala ha tracciato il bilancio di questo triennio contrassegnato, oltre che da importanti successi investigativi ottenuti dai reparti dipendenti, anche dalla costante attenzione rivolta verso la rivitalizzazione delle stazioni carabinieri e la qualificazione dei reparti ad elevato profilo operativo (radiomobili; nuclei investigativi ed aliquote operative), nonchè dall’avvio di una articolata revisione della distribuzione sul territorio regionale dei minori reparti dell’Arma, al fine di adeguare sempre più l’operatività alle reali esigenze della comunità. Ha poi rivolto parole di apprezzamento a tutti i carabinieri del Veneto per la proficua attività svolta durante il proprio periodo di comando, nonchè ringraziato le autorità civili e militari con cui, nel periodo di permanenza in Veneto, ha instaurato eccellenti rapporti istituzionali e di fattiva collaborazione. infine ha avuto espressioni augurali di buon lavoro per il suo successore, generale Fabrizio Parrulli, al quale ha ceduto il comando della Legione, dopo aver pronunciato la prescritta formula di riconoscimento del comando.

Il generale Fabrizio Parrulli, dopo aver frequentato la scuola militare Nunziatella di Napoli, l’accademia militare di Modena e la scuola ufficiali carabinieri di Roma, ha prestato servizio presso la scuola sottufficiali di Firenze, quale istruttore, e quindi come comandante di reparti territoriali a Ostia, Frascati e Civitavecchia (Rm), prima di approdare al comando generale dell’Arma dei carabinieri dove ha ricoperto numerosi e delicati incarichi di Stato maggiore. dopo un periodo trascorso come esperto per l’italia nello staff militare dell’Unione europea, a Bruxelles, è rientrato a Roma assumendo l’incarico di Capo ufficio piani e polizia militare del comando generale dell’Arma dei carabinieri e a seguire quello di comandante provinciale dei carabinieri di Salerno. Impiegato in Iraq, come Comandante della missione di formazione, addestramento e consulenza per quelle forze di polizia, ha assunto il prestigioso incarico di Comandante dei carabinieri per la Tutela del patrimonio culturale. ora la destinazione in terra veneta, con l’impegnativo compito di comandante della Legione, dove dovrà guidare gli oltre 5 mila carabinieri operanti nelle sette province.

Articolo di Giovedì 12 Settembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it