Condividi la notizia

RUGBY PERONI TOP12

Tecnici soddisfatti dopo il primo test di stagione

FemiCz Rovigo e Fiamme Oro sono sicuramente tra le già autorevoli candidate per un posto nei playoff, dopo la prima amichevole i commenti di Casellato, Guidi e capitan Matteo Ferro

0
Succede a:

ROVIGO - “Ci sono due cose positive di questa partita, che siamo andati sotto di 17 punti e poi abbiamo recuperato la partita.  La seconda cosa positiva è che abbiamo difeso per 3-4 minuti dentro i cinque metri e volevamo vincere la partita”. 

Al solito sente la partita coach Umberto Casellato, anche se è un’amichevole. La FemiCz ha vinto faticando contro una formazione, quella delle Fiamme Oro, molto tonica e con tanta voglia di ben figurare. “Ci sono stati fatti tanti cambi. Alcuni all’inizio ho dovuto turnarli - spiega Casellato - per fargli capire com’è la situazione. Chiaramente per quelli nuovi il sistema di gioco è un po’ diverso da quello che abitualmente penso abbiano fatto per gran parte della loro storia rugbistica. Per cui direi che abbiamo trovato la quadra. Della cose negative i falli contro, le tante penalità però ci sta. Per il resto abbiamo avuto indicazioni buone”.

leggi la cronaca di FemiCz Rovigo - Fiamme Oro
leggi l’articolo sull’incidente di Sironi

Squadra della Polizia di Stato che ha comandato le operazioni nella prima parte della partita, poi i Bersaglieri sono riusciti a venire fuori dal guscio. “Nei primi 25 minuti abbiamo passato la metà campo una sola volta, abbiamo preso un sacco di penalità per cui  non avendo la palla era difficile averne il possesso. Dopo quando entriamo nel nostro gioco prendiamo confidenza, chiaramente ci sono stati dei passaggi in avanti ma nel nostro gioco è impossibile che non ci siano. Quello che vogliamo è che i nostri giocatori giochino l’errore. In due o tre occasioni ci siamo un po’ persi, non tanto nell’errore, ma dopo. Questo è da aggiustare con la giusta mentalità. Alcuni hanno fatto un percorso e altri ne hanno fatto un altro. Adesso dobbiamo unire le due vie e arrivare a una via comune, che non è facile, soprattutto dal punto di vista del gioco”. 

Gioco di Casellato che richiede tempo, la scorsa stagione la squadra ha cominciato ad esprimersi a novembre, per i nuovi innesti i tempi per entrare nei meccanismi giusti potrebbero accorciarsi vista l’esperienza dei “senatori”.

“Le Fiamme Oro sono una delle candidate ai playoff, la prossima settimana ci troveremo a giocare contro la candidata bis allo scudetto, diciamo la Juventus del Rugby (Calvisano, ndr), e quindi andremo a fare la nostra partita e prendere ancora più confidenza. A Firenze sarà dura, e anche il Colorno secondo me è una buona squadra. Domani giocano contro il Calvisano e vediamo cosa fanno perché dobbiamo pensare anche alla Coppa e arrivare fino in fondo”. 

Voto alla squadra? “6 dal punto di vista generale, ma dal punto di vista del carattere 10 ai ragazzi perché hanno voluto vincere una partita. E in questo punto della stagione voler vincere un match non è facile”.  

“È stata una partita vera e sono contento che l’abbiamo portata a casa - ha commentato capitan Matteo Ferro - ma ci sono tantissimi aspetti da migliorare soprattutto la disciplina. C’è molto da lavorare, tanti ragazzi nuovi, ci sta che qualche meccanismo sia da sistemare. Positivo è che abbiamo portato a casa la partita. 

Con il Calvisano sarà un’altra partita vera da affrontare, non come un’amichevole tanto per giocare, andiamo a Badia per incere e migliorare quello che abbiamo sbagliato oggi guardando avanti all’obiettivo nostro stagionale e di gioco di squadra”.

Squadra di Gianluca Guidi che in Estate si è ringiovanita molto, alcuni hanno concluso l’esperienza con il Gruppo Sportivo della Polizia di Stato, altri hanno fatto il salto di qualità in Por14. “Abbiamo fatto una bella settimana perché è da domenica che siamo fuori - spiega coach Guidi abbiamo fatto due allenamenti con Treviso e siamo contenti di questa risposta dei ragazzi.  Abbiamo un po’ di assenze, tanti giovani e sono contento di tutti. Abbiamo sofferto perché Rovigo  chiaramente non c’è stato, dobbiamo lavorare meglio. È una partita che avevamo la possibilità di vincere e siamo andati sul 17 a 0”. 

“Abbiamo fatto una bella estate  - spiega il tecnico cremisi che a Rovigo si è tolto delle belle soddisfazioni - ci sono dei ragazzi nuovi che grazie al lavoro di qualche giocatore più maturo si stanno esprimendo al meglio, e questo ci permette di lavorare sereni. Gli sportivi vogliono vincere, siamo un po’ rammaricati perché volevamo farlo, ma va bene così adesso continuiamo con il nostro cammino di pre season. Adesso abbiamo i Medicei, ci aspettiamo un ulteriore passo avanti, ma le cose che abbiamo visto oggi ci fanno ben sperare. È una squadra che ha bisogno di esprimersi, può anche sbagliare ma quando si esprime è bella da vedere, segna belle mete ed è consistente in difesa”. Grande prova del giovane Guardiano, il tre-quarti centro cremisi nel primo tempo si è messo in grande evidenza “Sono contento, è un giocatore che si conquista tutto quello che ha con fatica sua, si è inserito bene e i ragazzi lo hanno accolto bene”.

 

Giorgio Achilli 

 

 

 

Articolo di Venerdì 13 Settembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it