Condividi la notizia

CARABINIERI

[VIDEO] Sgominata banda di cinesi che produceva droga

Blitz a Santa Maria Maddalena in una casa abbandonata. I Carabinieri di Castelmassa, Occhiobello e del nucleo investigativo di Rovigo, hanno arrestato tre cinesi e sequestrato oltre 1.000 piante di marijuana 

0
Succede a:

SANTA MARIA MADDALENA (RO) - Avevano messo in piedi un centro di produzione di marijuana  occupando una casa abbandonata (una ex lavanderia) nel comune di Occhiobello. Blitz dei militari dell’Arma a Santa Maria Maddalena (Rovigo) alle prime luci dell’alba di sabato 14 settembre, per sequestrare la droga già essiccata (circa 6 kg), le 1100 piante di marijuana, e tutto il sistema di coltivazione in serra, ci sono voluti due camion.


Xiongjie Xia, 47 enne già noto alle forze dell’ordine per reati legati all’immigrazione clandestina, Bao Chen, 40 enne, e Bing Wang, 44enne, sono finiti in carcere per detenzione e produzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, e furto di energia elettrica. I tre infatti avevano predisposto un collegamento all’impianto del servizio elettrico con un assorbimento pari a 80 kw, i tecnici dell’Enel quando sono dovuti intervenire per il sequestro, hanno dovuto distaccare l’energia in tre vie. Un impianto da professionisti del settore.

All’interno della casa dieci stanze adibite a serre, lampade per accelerare il processo di crescita della Canapa indiana, un sistema di ventilazione forzato industriale, fertilizzante, un sistema idrico ben congegnato, e varie cassette con piante di marijuana.

La segnalazione di odori sospetti era giunta alla stazione dei Carabinieri di Occhiobello del maresciallo Marco Cestaro, immediatamente si è attivata la compagnia di Castelmassa del capitano Andrea Pezzo con il nucleo radiomobile del maresciallo Roberto Marinelli e il prezioso supporto del nucleo investigativo del maggiore Nicola Di Gesare. La perfetta sinergia tra i vari corpi dell’Arma ha portato alla sorprendente scoperta, un maxi sequestro che in Alto Polesine non ha precedenti, come ha evidenziato il tenente colonnello Umberto Caripin.

Durante il blitz due hanno provato a scappare prendendo la via del tetto dell’abitazione, uno si era chiuso all’interno dell’armadio, ma i Carabinieri avevano predisposto tutto nei minimi dettagli. Militari dell’Arma che sono intervenuti con tutti gli uomini disponibili per non farsi sfuggire i tre cinesi, sul posto anche il sostituto procuratore del Tribunale di Rovigo, Ermindo Mammucci.

Articolo di Lunedì 16 Settembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it