Condividi la notizia

CONVEGNO

Il Polesine del futuro, "diventare piattaforma per il turismo ciclabile e di navigazione"

Bicicletta ed imbarcazioni sui fiumi e in laguna, questa la ricetta per il turismo in provincia di Rovigo. Guido Pizzamano, presidente Consvipo, ed Edoardo Gaffeo, sindaco del capoluogo, presentano la tavola rotonda

1
Succede a:

ROVIGO -  Il Polesine è la piattaforma ideale per sviluppare un turismo sostenibile che mette assieme bicicletta, navigazione fluviale e navigazione in laguna. Lo afferma con convinzione Guido Pizzamano, presidente del Consorzio per lo sviluppo del Polesine, ne condivide idea e progetto il sindaco di Rovigo Edoardo Gaffeo.
Sull'argomento si svilupperà un convegno in programma venerdì 20 settembre alle 16.30 in Pescheria Nuova dal titolo “Bike & boat: turismo sostenibile e responsabile”, promosso dal Convipo, in occasione della Settimana Europea della Mobilità (16-22 settembre).

Il filo conduttore dell'iniziativa, presentata oggi a palazzo Nodari, è il progetto di area vasta per la valorizzazione del sistema di itinerari ciclabili, fluviali e lagunari del Polesine, “PolesineBlu&GreenTour”.

L'obiettivo del convegno, come ha spiegato il presidente di Consvipo Guido Pizzamano, è rafforzare la strategia di area vasta, di cui il Polesine è parte attiva di coordinamento. “Speriamo in un ampio coinvolgimento e che anche le aziende facciano squadra con gli enti locali per portare avanti questo progetto”.

Il progetto si basa su tre punti. Il primo, mettere a sistema i percorsi ciclabili esistenti facendoli conoscere alle comunità rurali; il secondo, sviluppare il sistema degli itinerari fluviali del Po e del Fissero Tartaro Canalbianco, organizzandoli e mettendoli a sistema con le ciclabili; il terzo riguarda la promozione e la fruizione turistica organizzata dal “Sistema ciclistico e fluviale”.

Il sindaco Edoardo Gaffeo, evidenziando l'importanza dell'iniziativa, ha illustrato i quattro aspetti, a suo parere, fondamentali: un ragionamento sulle infrastrutture, in questo caso di mobilità lenta, che devono essere viste come investimenti per e sul territorio; mettere assieme due tipologie di mobilità (ciclabili e sistema fluviale), è sicuramente vincente; serve una cabina di regia importante nell'ambito del marketing territoriale; il quarto aspetto, cercare di generare una crescita di coinvolgimento dell'imprenditoria locale.

“Gli enti locali – ha detto il sindaco -, hanno la necessità di lavorare in un'ottica di sistema. Spero che iniziative come questa servano ad un maggiore coordinamento ed a mettere insieme tasselli importanti sulle quattro direttrici che ho delineato. Da parte nostra, massima disponibilità a collaborare”.

 

 

 

Articolo di Lunedì 16 Settembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it