Condividi la notizia

PUBBLICITA' E MARKETING

Shopper personalizzate: la pubblicità che non spreca

Volantini, cataloghi, gadget sono strumenti morti nell'era del digitale? Secondo lo studio Nielsen il comparto carta vale 1 miliardo di euro annui. Vincente la soluzione delle shopping bag che sostituiscono i sacchetti usa e getta

0
Di cosa parliamo, quando parliamo di marketing?
Sembrerà strano, ma nel 2019 parliamo ancora, fortissimamente, di carta.
Carta per pubblicizzare le aziende, carta di cataloghi che, strano ma vero, a tutt’oggi rappresentano ancora - secondo uno studio condotto da Nielsen - un investimento di circa mille milioni di euro annui.

Nell’era del digitale, come è possibile?
In effetti, gli strumenti per attuare una rivoluzione della pubblicità sostenibile ci sono tutti; lo sanno bene Tiendeo, PromoQui, DoveConviene, e tutti quei siti che offrono cataloghi, volantini e offerte online. Ma lo stanno imparando anche grandi aziende del calibro di Monoprix, Otto e Tiendas Paris, e ancora, i nostrani Conad, Coop e Mondo Convenienza, che hanno già incluso nelle loro strategie di marketing la soppressione dei propri cataloghi cartacei in favore dei cataloghi digitali, anche se ci vorrà ancora un poco di tempo affinché questo proposito si realizzi del tutto.

Secondo lo studio di Nielsen, solo in Italia si producono 13 milioni di volantini pubblicitari, tradotto nell’abbattimento di un milione di alberi. Per non prendere in considerazione, poi, i costi, al livello ambientale, di stampa e trasporto.
Ma c’è anche un’altra questione da tenere presente: catalogo cartaceo significa anche spreco.
Tonnellate di carta stampata che, a buon bisogno, non verranno mai neanche lette. Del resto, quante volte vi è capitato, camminando per strada o al centro commerciale, di ricevere un catalogo che buttate nel primo secchio della spazzatura della “carta” che trovate appena girato l’angolo? Se lo trovate, il secchio della “carta”. Altrimenti lo buttate direttamente in un secchio a caso oppure, peggio ancora, a terra, con conseguenze ancora più disastrose per l’ambiente.

I cataloghi digitali, invece, sono a disposizione per essere consultati solo qualora il cliente lo desideri, in ogni momento e senza sprechi.
Pertanto le campagne di digitalizzazione dei cataloghi si rivelano una mossa vincente sotto parecchi punti di vista.
Così come è vincente la mossa di tutte quelle aziende che hanno cominciato a sostituire i sacchetti usa e getta con delle shopper personalizzate economiche come quelle stampate da Arti Grafice Macaluso, che permettono di risparmiare sia in denaro che in disastri ambientali. Le shopping bag si rivelano un’altra soluzione imprescindibile per chi ha a cuore il benessere del pianeta, ma anche dei suoi clienti. Si tratta, infatti, di borse altamente personalizzabili per colori e disegni, che si rivelano molto utili per le attività quotidiane di chi le riceve in dono, oltre che per l’azienda che può fare, in questo modo, girare senza sosta i suoi nome e logo.

Un regalo per l’azienda stessa, un regalo per il cliente, un regalo per la salute del pianeta.
Di più, non si può chiedere.
Articolo di Giovedì 19 Settembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it