Condividi la notizia

CALCIO SERIE D

Pagan ha fiducia nella propria Adriese

Il capitano granata sottolinea che si è solo all'inizio di questo campionato e che la strada da fare è ancora tanta

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - La formazione adriese è pronta alla sfida casalinga contro il Tamai, formazione friulana che lo scorso campionato ha bettuto e messo in difficoltà l'Adriese nella seconda parte di campionato, di fatto compromettendp parte di quella che poteva essere la vittoria finale. 

Sicuramente c'è ottimismo nell'aria, anche se il pareggio a Feltre scotta ancora per le numerose occasioni da gol sprecate. A questo punto è il capitano Michael Pagan che specifica quella che è la sua posizione: "A mio parere a Feltre è stata una partita a due facce, con un secondo tempo veramente importantissimo dove ci siamo distinti per la nostra determinazione, per il gioco fluido e per le occasioni che abbiamo avuto per chiudere la partita". 

Proseguendo poi: "Dispiace aver trovato solo il pareggio, ma ora dobbiamo pensare a Tamai e poi alla partita di Coppa Italia contro il Mestre in casa loro; una sfida che abbiamo già affrontato in campionato e sappiamo che Mestre è una formazione tostissima". "Parlando di Tamai invece non ci nascondiamo dietro a nulla, sappiamo che dobbiamo vincere, ma al tempo stesso che loro sono un'ottima squadra che ci può dar fastidio". 

Infine parlando della differenza tra l'Adriese di quest'anno e quello di quest'anno: "Sono venuto qua che dovevamo lottare per salvarci e nell'arco di due anni mi ritrovo una formazione che vuole vincere e fare il salto di categoria, per cui non è facile da metabolizzare nell'immediato, ma sono convinto che ce la possiamo fare, che siamo in grado di fare la differenza sotto ogni punto di vista; siamo una squadra di qualità e più passa il tempo più verremo fuori". 



Stefano Spano
Articolo di Venerdì 20 Settembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it