Condividi la notizia

RUGBY

I campioni d’Italia battono ancora i Bersaglieri

Antipasto di campionato a Badia Polesine dopo il trofeo Pedrini vinto dall’Accademia Ivan Francescato. Il Calvisano di Massimo Brunello ha battuto la FemiCz Rovigo 19-28. Man of the match Nardo Casolari

0
Succede a:

BADIA POLESINE (RO) - Amichevole un corno. FemiCz Rovigo - Calvisano a Badia Polesine, nell’ambito del Trofeo Pedrini, è stata partita vera. A parte i cambi volanti, quella tra le finaliste scudetto degli ultimi campionati (2014, 2015, 2016, 2017 e 2019), sabato 21 settembre negli impianti di via Martiri di Villamarzana è stato un antipasto succulento per gli oltre 800 spettatori che hanno gremito lo stadio altopolesano. Manto erboso nuovo di zecca, che a poche settimane di distanza dalla finale del San Michele, ha sancito ancora un vincitore, il Calvisano di Massimo Brunello.

Squadra solida quella bresciana, cinica, capace di capitalizzare ogni occasione. La fotografia del match nel finale del primo tempo, Vunisa per un placcaggio alto rimedia un cartellino giallo (a margine ne nasce anche una scaramuccia, ndr), i Bersaglieri si installano nei cinque metri bresciani, con un uomo in più non riescono a sfondare e il Calvisano esulta come se avesse vinto una partita di campionato.



Immagine che si ripete nel finale della ripresa, sul 19-28 stoica difesa dei campioni d’Italia che alzano la saracinesca e i rossoblù, privi di nove giocatori (tra permit player e infortunati) e di Momberg rimasto in panchina per dare spazio ai giovani, si arrendono alla squadra di Brunello

Il Calvisano a Badia Polesine ha dimostrato di essere ancora la squadra da battere, ma non è una novità visto che sul petto ha lo scudetto.

Eppure sono i ragazzi di Casellato a passare in vantaggio, un buon possesso viene gestito in maniera impeccabile da James Ambrosini, l’ovale giunge a David Odiete che con il solito guizzo schiaccia sulla bandierina. La trasformazione da posizione defilata non riesce, 5-0.

Sono passati 13 minuti, le sensazioni sono positive, la mischia dà segnali confortanti, la touche pure, ma Pescetto sfrutta una imprecisione dei Bersaglieri e riporta i match in equilibrio, 5-7 dopo la trasformazione.

Calvisano che prende possesso del territorio, due mete in fotocopia sfruttando le armi migliori del club bresciano, touche sui cinque metri in cassaforte, Lucciardi prima, e Consoli poi, i bresciani fissano il risultato sul 5-21. Un uno due che avrebbe stordito chiunque. Invece i Bersaglieri nella ripresa cambiano pelle. Di prepotenza Cadorini sfrutta il lavoro del pack in avvio accorciando le distanze, Menniti-Ippolito trasforma.

A dare la sveglia poi è il solito Diego Antl. Decisvo il suo break per la doppietta di Cadorini che riaccende le speranze dei rossoblù (19-21 dopo la facile trasformazione di Menniti-Ippolito).

Bersaglieri che nella ripresa hanno due grosse occasioni, una mischia sui cinque metri in mezzo ai pali non sfruttata, e un tre contro uno che grida ancora vendetta. Errori che si pagano. Due mete che probabilmente avrebbero cambiato le sorti del match, ma il Calvisano è stato bravo e paziente. Da un pallone di recupero nei 22 del Rovigo, l’azione che di fatto ha chiuso il match.

Panceyra schiaccia in mezzo ai pali, Chiesa trasforma per il 19-28. Da segnalare l’ingresso in campo anche dell’ex rossoblù Brugnara che non era annunciato, per lui la solita prova di sostanza.

Dopo l’amichevole spazio alle premiazioni, il man of the match Casolari (Calvisano), i due tecnici Brunello e Casellato, l’Accademia Ivan Francescato del rossoblù Borin che ha vinto il trofeo Pedrini giunto alla 13esima edizione, Thomas Parolo badiese doc che ha disputato il Mondiale U20 con la Nazionale, le ragazze del Badia campionesse d’Italia, e l’Under 18 sempre del Badia, che ha guadagnato la categoria Elite con la Franchigia Polesine.

 

Badia Polesine - sabato 20-09-2019
Peroni TOP12, Amichevole
FEMI-CZ Rugby Rovigo v Kawasaki Robot Rugby Calvisano 19-28 (5-21)

Marcatori: p.t. 13’ m. Odiete (5-0), 17’ m. Pescetto tr. Pescetto (5-7), 22’ m. Luccardi tr. Pescetto (5-14), 27’ Consoli tr. Pescetto (5-21); s.t. 51’ m. Cadorini tr. Menniti-Ippolito (12-21), 57’ m. Cadorini tr. Menniti-Ippolito (19-21), 71’ m. Panceyra tr. Chiesa (19-28)

FEMI-CZ Rovigo: Rossi, Nicotera, Pavesi, Mantovani, Parolo, Lubian, Liut, Ferro, Visentin, Ambrosini, Lisciani, Antl, Angelini, Odiete, Menniti-Ippolito. Sono entrati: Lugato, Cadorini, D’Amico, Nibert, Vian, Michelotto, Citton, Mastandrea, Modena, Moscardi
All. Casellato, Properzi

Kawasaki Robot Rugby Calvisano: Barducci, Luccardi, Cittadini, Venditti, Van Vuren, Casolari, Martani, Vunisa, Consoli, Pescetto, Susio, Mazza, De Santis, Balocchi, Chiesa. Sono entrati: Morelli, Antonini, Michelini, Leso, Gavrilita, Wessels, Semenzato, Koffi, Panceyra, Trulla, Regonaschi, Brugnara
All. Brunello

Arb. Vedovelli (Sondrio)

Calciatori: Ambrosini 0/1, Menniti-Ippolito 2/2 (FEMI-CZ Rovigo); Pescetto 3/3, Chiesa 1/1 (Kawasaki Rugby Calvisano)
Cartellini: giallo a Vunisa
Man of the match: Nardo Casolari (Kawasaki Robot Rugby Calvisano)

Articolo di Sabato 21 Settembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it