Condividi la notizia

ROVIGOFINANZA

Il mercato azionario premia a... lunghissimo termine

Paolo Rimbano, consulente finanziario analizza come nel risparmio l’investimento azionario necessiti di un lungo periodo

0
Succede a:

ROVIGO - Nello scenario attuale dei rendimenti obbligazionari negativi, la parte prudente di ogni portafoglio è molto difficile da gestire perché, appunto, rischia di far perdere soldi. La mancanza di alternative sta portando fondi e risparmiatori ad aumentare il rischio dei portafogli, alla disperata ricerca di rendimenti positivi.

Parte del risparmio sta passando da strumenti prudenti ai mercati azionari, che presentano elevate oscillazioni del capitale investito, con quindi maggiori guadagni/perdite potenziali, e che richiedono per loro natura un lungo orizzonte temporale di investimento. Approfondiamo questo argomento.

La Consob in modo molto semplice definisce l'orizzonte temporale come il periodo di tempo per il quale si intende rinunciare alle proprie disponibilità finanziarie per investirle. Un orizzonte di 3 anni significa ad esempio che per 3 anni si conta di non dover utilizzare quanto investito.

Qual è l’orizzonte temporale per i mercati azionari? Vediamo il grafico seguente.

Il grafico mostra la crescita di 1.000 dollari investiti in azioni statunitensi, il mercato azionario più grande ed efficiente del mondo. Nel tempo i 1.000 dollari sono diventati oltre 4 milioni di dollari (questo dato dovrebbe essere depurato dell’inflazione ma per spiegare il concetto il grafico è efficace). Quindi, nel tempo, con le azioni il capitale cresce. Peccato che il grafico inizi dal 1890 ed esprima quasi 130 anni di storia, anni che un investitore purtroppo non ha.

Il grafico riportato sopra ci dice una cosa importantissima: è vero che nel lunghissimo periodo gli investimenti azionari sono molto redditizi, ma questo naturale percorso di crescita periodicamente incontra dei momenti di crisi che possono essere molto negativi e lo possono essere molto a lungo. Chi avesse investito in azioni nel 1929, dopo la forte crescita degli anni ’20, avrebbe dovuto attendere 15 anni per recuperare il capitale investito. E chi avesse investito a fine 1999 in azioni Usa avrebbe dovuto attendere 13 anni per ritornare in possesso del proprio capitale. Dal 2000 al 2013. 

Se poi avessimo investito nel 2000 nel mercato azionario italiano, il nostro investimento sarebbe ancora oggi in perdita di oltre il 50%, dopo ben 19 anni!

Potete ben capire che quando si sceglie di investire nei mercati azionari bisogna avere un orizzonte molto lungo perché èfondamentale la scelta del momento in cui investo e solo il futuro dimostrerà se ho investito in un momento buono oppure no. 

Nessuno può prevedere il futuro. Ci sono indicatori e strumenti che tentano di darci una mano a capire in che momento siamo. Di questi parleremo nel prossimo articolo.


Paolo Rimbano


La rubrica "RovigoFinanza" pubblicata dal quotidiano RovigoOggi.it, curata dal dott. Paolo Rimbano è una rubrica di educazione finanziaria e NON è una rubrica di consulenza finanziaria. I contenuti pubblicati dal giornale potranno fare riferimento ad analisi e dati che provengono da fonti ritenute serie, attendibili e affidabili. Non si garantisce tuttavia in alcun modo che il contenuto del sito e dei report di analisi sia esatto, completo o affidabile. In particolare, le informazioni e le opinioni vengono fornite senza alcuna garanzia. Quanto contenuto nella rubrica NON rappresenta un consiglio di investimento e NON si garantisce pertanto che se ne possa fare affidamento per effettuare un investimento. L’eventuale utilizzo dei dati e delle informazioni come supporto di scelte di operazioni di investimento personale o altre decisioni è pertanto a completo rischio del lettore utente, che si assume in proprio le responsabilità derivanti da perdite o da ogni altro danno diretto o indiretto.

Articolo di Domenica 29 Settembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Rubriche

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it