Condividi la notizia

PALAZZO NODARI

Il mondo è la nostra scuola

Gli studenti Intercultura accolti dal sindaco di Rovigo Edoardo Gaffeo portano le loro esperienze avute all'estero, e i ragazzi stranieri l'inserimento qui in Italia

0
Succede a:

ROVIGO - Tanvi arriva dall’India, Aut dalla Thailandia, Félix dal Canada, Inutsiaq dalla Groenlandia e Anastasiia dalla Russia. Fanno parte di un gruppo di oltre 400 studenti che lo scorso 7 settembre sono arrivati in Italia da ogni angolo del mondo grazie all’associazione Intercultura, per trascorrere nel nostro paese un anno scolastico o un periodo più breve. Sono stati accolti oggi a Palazzo Nodari per un benvenuto ufficiale in città, dal sindaco di Rovigo, Edoardo Gaffeo e dall’Assessore alle politiche giovanili Erika Alberghini. 

“E' un piacere ospitarvi – ha esordito il sindaco -, state vivendo una bella esperienza, credo complicata , affascinante, che sicuramente sarà molto utile per la vostra crescita”. Completamente d'accordo l'assessore Alberghini. “Questa iniziativa servirà per la vostra formazione e ad aprirvi la mente. Penso che se tutto il mondo avesse l'opportunità di viaggiare, probabilmente si andrebbe più d'accordo”. 

I ragazzi stanno piano piano iniziando a parlare la nostra lingua e hanno già iniziato, come i loro coetanei italiani, a frequentare la scuola superiore: IS De Amicis per Tanvi, liceo Celio Roccati per Aut, alberghiero Cipriani per Ananstasia e liceo Mattei a Conselve per Félix e Inutsiaq. Hanno scelto l’Italia per la sua storia, l’arte, il cibo, ma ora che sono qui vogliono spingersi molto più a fondo nella conoscenza del nostro paese, degli usi e delle tradizioni – ha spiegato il nuovo presidente del Centro locale di Rovigo, Alberto Moretto: “In questo percorso di crescita saranno aiutati dalle proprie famiglie ospitanti, che li hanno accolti in casa come veri figli e dai volontari locali che si occuperanno della loro formazione interculturale”. 

Ma gli studenti stranieri non erano oggi gli unici ospiti di Palazzo Nodari: hanno infatti partecipato all’incontro e ricevuto così un caloroso “bentornati” dall’amministrazione comunale, alcuni dei 18 studenti rodigini rientrati da poco da un programma di studi all’estero: Allegra D'Achille, di ritorno da un anno negli Stati Uniti, Anna Bizzi, Repubblica Dominicana, Ilaria Sturaro e Riccardo Paparella, Brasile,  Martina Schiesaro e Lorenzo Ferro, Finlandia, Valeria Eni, Portogallo,  Michele Bacchiega, Bolivia, Younes Bamhaud, Norvegia, Gaia Marongiu, trimestre in Polonia e Katrina Rainone  semestre in Argentina. Questi studenti sono risultati vincitori del concorso Intercultura e hanno usufruito di una borsa di studio. A ben cinque di loro era stata assegnata una delle borse di studio della Fondazione Cariparo, che anche quest’anno ha rinnovato il suo impegno per sostenere il progetto educativo dell’Associazione Intercultura, offrendo altre 9 borse di studio per gli studenti più meritevoli in concorso con Intercultura, che risiedono e studiano in provincia di Padova e Rovigo. 

Si conferma di anno in anno il desiderio delle famiglie italiane di arricchire la formazione dei propri figli con un'esperienza internazionale, ha detto la presidente uscente Cristina Monfrone. Attualmente sono all’estero con Intercultura oltre 2.200 studenti italiani, 14 studenti dei quali seguiti dal centro locale di Rovigo, che come i loro predecessori, hanno deciso di mettersi in gioco, partire per scoprire un altro paese, un’altra cultura, ma soprattutto per conoscere meglio se stessi e le proprie potenzialità, iniziando così un percorso di crescita che durerà per tutta la vita.  

Anche per quest’anno è aperto il bando di concorso per poter partire con Intercultura e vivere un’esperienza di vita e studio all’estero e per accedere alle centinaia di borse di studio a disposizione. Le iscrizioni sono aperte fino al 10 novembre, accedendo al sito www.intercultura.it. I volontari locali incontreranno la cittadinanza per illustrare i programmi e le borse di studio in due momenti: uno sportello presso il Centro Servizi Volontariato aperto il giorno 10 ottobre dalle 18 alle 20 ed un incontro pubblico cittadino, al quale parteciperanno oltre ai volontari anche gli studenti oggi ospiti in Comune, alle ore 20.45 del giorno 24 ottobre presso il centro Don Bosco di Rovigo.

 

Articolo di Martedì 1 Ottobre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it