Condividi la notizia

SANITA’ 

Grazie a questo servizio, l’interazione tra medico e paziente sarà più facile

L’Ulss 5 Polesana apre le porte al video-interpretariato in lingua dei segni per il pronto soccorso e visite mediche dei pazienti sordi del territorio della provincia di Rovigo 

0
Succede a:

ROVIGO - A breve, il personale medico, infermieristico o amministrativo avrà a disposizione nei tablet, computer o smartphone  in dotazione al loro reparto,  un particolare programma che garantisce il servizio di interpretariato in videochiamata. La lingua dei segni permette di  comunicare più agevolmente con i pazienti sordi del territorio. Un cittadino sordo che si reca presso le strutture dell’Ulss 5 Polesana infatti potrà così essere supportato da un interprete professionista di lingua dei segni italiana (LIS) nei colloqui con i medici, esami, visite specialistiche e via dicendo.

Grazie a questo servizio, l’interazione tra medico e paziente sarà più facile: il medico potrà parlare tranquillamente sapendo che l’interprete di LIS tradurrà simultaneamente tutto quanto verrà detto e il paziente sordo potrà rivolgere al medico tutte le domande che riterrà opportune per meglio comprendere eventuali patologie e terapie.

Un sistema innovativo e professionale che permette alla sanità Veneta di essere sempre più accessibile ed accogliente verso i propri pazienti con difficoltà di comunicazione.

 

Articolo di Mercoledì 2 Ottobre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it