Condividi la notizia

STAGIONE TEATRALE 2019-20

Cartellone da pura passione al teatro Sociale

Lirica, prosa, jazz, concertistica, teatro ragazzi. Tutti gli spettacoli in programma. Si inaugura con l'opera lirica, produzione del teatro Sociale di Rovigo, con Madama Butterfly il 15 novembre

0
Succede a:

ROVIGO - Apre i battenti la stagione teatrale del Sociale di Rovigo. Lirica, prosa, teatroragazzi, jazz, danza e concertistica. Allo stesso tavolo per la stagione denominata "Pure Passion" il vicesindaco di Rovigo Roberto Tovo, anche assessore alla cultura, Claudio Sartorato, direttore artistico, Pierluca Donin, direttore di Arteven, Andrea Boschetti, direttore artistico del jazz club di Rovigo.

Un programma articolato e completo che parte sempre dal "vulnus" di Rovigo, uno dei due teatri di tradizione del Veneto, ovvero l'opera lirica. Una sincera opera di concertazione delle competenze culturali della città di cui è particolaramente orgoglioso Tovo. 


Per quanto riguarda la lirica, l'inaugurazione, con una produzione del teatro Sociale, sarà con Madama Butterfly il 15 novembre,
in pendant con la grande mostra Giapponismo di Palazzo Roverella, che vede sul podio il maestro rodigino Stefano Romani a dirigere l'orchestra regionale Filarmonia Veneta. A dicembre Don Giovanni, la prima il 6 dicembre, con in buca l'orchestra di Padova e del Veneto, una coproduzione del Sociale con il Comune di Padova. 

Il 29 dicembre è il momento dell'operetta con Il paese dei campanelli con Stefano Giaroli sul gradino più alto. Doppia proposta il 25 gennaio 2020 con Cavalleria Rusticana e Suor Angelica, anche questa una coproduzione del Sociale, con la fondazione di Livorno e del teatro Coccia di Novara. Andrea Chenier chiude il 13 marzo con la regia di Sarah Schinasi, l'orchestra regionale Filarmonia Veneta in collaborazione con il conservatorio Venezze.

Prosa. "Qui diventiamo matti per trovare il meglio, davvero il teatro sociale di Rovigo oltre ad essere bellissimo, oggi a livello veneto porge allo spettatore il meglio di ogni settore teatrale" lo dice Donin quando introduce la rassegna di prosa. Luca Argentero il 15 dicembre, SIlvio Orlando l'8 gennaio, il trio di donne Galiena, Murino, Caprioglio il 15 gennaio. Marco Paolini il 4 febbraio, il Balletto di Roma il 12 febbraio, la coppia straordinaria Lo Cascio e Rubini con Dracula il 20 febbraio, la compagnia di danza di Los Angeles con Bodytraffic il 19 marzo e l'accoppiata Glauco Mauri e Saturno nel grande classico I fratelli Karamazov il 27 marzo.

Finestra gospel il 22 dicembre. La concertistica si sviluppa principalmente con i concerti del mattino aperti alle scuole. Il 15 febbraio l'Opv, orchestra di padova e del Veneto, davanti alla bacchetta di Beatrice Venezi proporrà l'opera di Holst intitolata I pianeti. Sempre Opv il 21 marzo, solista al pianoforte Federico Colli e direttore Korsten, propone il concerto numero 5 di Beethoven e la sinfonia 7. La sezione per i ragazzi prevede l'anteprima dell'opera lirica il mercoledì pomeriggio precedente il debutto al Sociale, di Madama Butterfly, Don Giovanni e Andrea Chenier.  Per le classi delle scuole primarie ė dedicato lo spettacolo Canto di Natale prodotto da La Piccionaia il 21 dicembre.

Una prima assoluta anche per Musica a fumetti il 30 marzo con il doppio spettacolo de Il direttore matto, opera scritta da Marco Schiavon per gli studenti delle elementari e materne, con i Virtuosi della Rotonda, Saida Puppoli il disegnatore Alessandro Gottardo. Il 16 e 17 aprile Natalia Magni porta lo spettacolo sugli ultimi 6 libri dell'Eneide intitolato Il gioco degli Dei.

Jazz. Cinque concerti al ridotto, anche questi di "pura passione" come introduce Boschetti. Un concerto al mese da ottobre a febbraio con proposte coinvolgenti e appassionanti.

Articolo di Giovedì 3 Ottobre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it