Condividi la notizia

STAGIONE PROSA

Teatro Ballarin pronto per una nuova stagione da serie A

A Lendinara si è presentata la nuova programmazione a cura del Comune e di Arteven, con la collaborazione del Comitato. E' gara all'abbonamento

0
Succede a:

LENDINARA (ROVIGO) - "Il teatro Ballarin si consacra tra i più importanti del Veneto, da serie A, e la stagione che sta per partire lo conferma". Pierluca Donin, direttore di Arteven, l'assocazione che organizza le stagioni teatrali nei teatri veneti dei comuni soci, non ha dubbi. Dall'altra parte il sindaco della città Luigi Viaro invita a dare "uno sguardo indietro per capire solo quanta strada è stata fatta". Questa è la 12esima stagione. Oggi, 3 ottobre, il teatro Ballarin ha presentato la sua stagione di prosa. Viaro, l'assessore Francesca Zeggio, Donin, supportati dal comitato del Teatro Ballarin con Irene Lissandrin e Liviana Furegato, presidente e vice, hanno tracciato le linee di quanto avverrà a partire dal 16 novembre, non prima che la memoria storica di Viaro non abbia ricordato da dove l'amministrazione era partita. 
"E' stato un crescendo vertigionoso, ora c'è la gara all'abbonamento in prima fila" spiega il primo cittadino. "Il teatro è la casa di tutti - spiega Zeggio - anche dei bambini" ricordando l'imminente rassegna di teatroragazzi che partirà domenica 6 ottobre (LEGGI ARTICOLO). "Faremo altre proposte durante l'anno, questa è la stagione di prosa". "Una rassegna che divertirà e colorata in rosa, con diversi spettacoli che vede protagoniste le donne" ha detto Lissandrin con Furegato.
"Ormai è l'unico luogo il teatro - commenta Donin - dove si può piangere e ridere fianco a fianco gli uni con gli altri. I social dividono, il teatro unisce". "La qualità dimostra molta attenzione e cura per la propria comunità e il proprio pubblico - ha fatto sapere l'assessore regionale Cristiano Corazzari -. Lo dimostrano le domeniche per le famiglie, il concerto di capodanno e la scelta degli artisti. Desidero esprimere gratitudine e stima a tutti coloro che con professionalità, impegno e passione collaborano per la realizzazione di questa stagione".

Andiamo agli spettacoli che sono otto più un fuori abbonamento. Il primo spettacolo, 16 novembre, è con Veronica Pivetti in Vitktor Victoria, spettacolo en travesti di estremo successo; il 30 novembre spazio al classico: Misantropo di Giulio Scarpati e Valeria Solarino, un testo classico che fa capire quanto Molière sia contemporaneo. Il 18 dicembre Angela Finocchiaro con Ho perso il filo, l'epica diventa l'opportunità per affrontare problemi attuali. Nancy Brilli il 20 gennaio porterà in scena A che servono gli uomini, regia della grande Linda Wetmuller e musiche di Giorgio Gaber. 
Spazio al teatro veneto il 4 febbraio con La casa nova di Goldoni, con il cast dei migliori attori del Veneto, divertente e con tanti attori in scena che fa comprendere che lo stress da trasloco di oggi è uguale a quello di 250 anni fa. Se non posso ballare... il 26 febbraio c'è Lella Costa, altro nome super noto del teatro, ispirato al Catalogo delle donne vanitose di Serena Dandini. L'11 marzo un altro caposaldo del teatro, Pirandello, con Sei personaggi in cerca di autore nella versione innovativa della compagnia Elsinor centro di produzione teatrale. regia e attori di altissima qualità.
Si chiude il 27 marzo con il circo teatro di Circo El grito ovvero Johan Sabastian Circus: acrobazie, giocoleria e musica dal vivo. 

Fuori abbonamento il concerto di capodanno con l'orchestra Gav, Giovani talenti veneti, diretti da Lucia Visentin.
Il rinnovo degli abbonamenti si terrà dal 9 al 19 ottobre, i nuovi abbonamenti dal 23 al 26 ottobre, biglietti e mini abbonamento dal 30 ottobre. 

Articolo di Giovedì 3 Ottobre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it