Condividi la notizia

POLITICA

Dopo 12 anni Leonardo Raito abbandona ufficialmente il PD

Il primo cittadino di Polesella nella giornata dell'approvazione alla Camera del Ddl che riduce i parlamentari da 945 a 600, annuncia pubblicamente la sua fuoriuscita dal Partito democratico

0
Succede a:
POLESELLA (Rovigo) - "Oggi si chiude una storia lunga 12 anni. La mia nel PD! In bocca al lupo amici se avrete ancora stomaco e forza per reggere passaggi come quello odierno che snaturano una storia, un percorso, un progetto politico!".

Così Leonardo Raito, sindaco di Polesella e presidente del consiglio di bacino per l'acqua ha pubblicamente affidato ad un tweet alle 22.14 il suo dissenso per l'esito della giornata, definita storica, di taglio del numero di parlamentari.
Il disegno di legge costituzionale che riduce i deputati a 400 dai 630 attuali ed i senatori a 200 dagli attuali 315, è stato definitivamente approvato a Montecitorio con 553 voti a favore, 14 contrari e 2 astenuti.

Trattandosi di un Ddl cosituzionale era richiesta la maggioranza assoluta pari a 316 voti, ampiamente superata.

Raito parla di percorso, di progetto. Probabile che questa approvazione abbia tradito le aspettative del primo cittadino di Polesella, oppure il cambio di fronte del "suo" partito ha scatenato quella che solitamente si definisce la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Difficile pensare ad un ripensamento dopo la parola Fine e gli auguri per chi resta.
Articolo di Martedì 8 Ottobre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it