Condividi la notizia

VIOLENZA SULLE DONNE

Un simbolo per sensibilizzare i cittadini

Anche il comune di Taglio di Po (Rovigo) aderisce al progetto all’Auser Veneto con la realizzazione della panchina rossa, colorata dagli studenti. Un messaggio importante contro i femminicidi 

0
Succede a:

TAGLIO DI PO (RO) - Taglio di Po partecipa al progetto Taci (Teatro – Arte – Cultura – Inclusione contro la violenza sulle donne) promosso dall’Auser Veneto con la realizzazione della panchina rossa, messaggio importante contro la violenza sulle donne, unitamente ad altri 50 comuni sparsi in tutta la Regione. 

L’inaugurazione della “panchina rossa” è fissata per sabato mattina alle ore 11.15 in Piazza Venezia con la partecipazione delle classi terze della scuola secondaria di I grado, cui è invitata a partecipare l’intera popolazione. Quindi, anche Taglio di Po, contemporaneamente ad altri 50 comuni del Veneto, inaugurerà la propria panchina, simbolo per ricordare le vittime della violenza di genere.

“Grazie all’Auser Provinciale di Rovigo – afferma l’assessore all’Istruzione Veronica Pasetto – che ha reso partecipe anche il nostro Comune in questo progetto, abbiamo sin da subito voluto coinvolgere gli studenti della scuola secondaria di I grado nel trattare un tema tanto delicato ma di drammatica attualità. Già l’anno scorso gli studenti hanno partecipato all’incontro con Luigi e Massimo Mangiapelo, rispettivamente padre e zio di Federica, la ragazza sedicenne uccisa dal fidanzato, con la presentazione del libro “Federica, la ragazza del lago”. Quest’anno gli studenti sono stati coinvolti, grazie al supporto della professoressa Roberta Bonvicini e del locale circolo Auser di Taglio di Po, nel colorare di rosso una delle panchine in Piazza Venezia e preparati dai loro insegnanti con la messa a disposizione di libri e testi specifici sul tema della violenza di genere da parte della biblioteca comunale. 

L’intento è quello di promuovere tra i giovani la cultura del rispetto, sensibilizzando tutta la popolazione per contrastare il triste ma attuale fenomeno dei femminicidi, lanciando un messaggio forte di contrasto alla violenza sulle donne; pertanto sin da subito abbiamo accolto con entusiasmo questo progetto e coinvolto la scuola che si è sempre mostrata attenta a sensibile alla tematica.”. 

Articolo di Giovedì 10 Ottobre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it