Condividi la notizia

AMBIENTE

Amianto, l’assessore Enrico Leccese risponde ai cittadini

Il comune di Occhiobello (Rovigo) informa su come comportarsi in relazione al pericolo amianto 

0
Succede a:

OCCHIOBELLO (RO) - Sulla modalità di smaltimento dell’amianto, alcuni cittadini si sono rivolti all’assessore all’Ambiente Enrico Leccese che informa come comportarsi in presenza di materiali contenenti amianto in abitazioni civili e capannoni industriali.

“I rischi per la salute dipendono dalla probabilità che il materiale rilasci nell’aria fibre che possano essere inalate dagli individui e dallo stato di conservazione – spiega l’assessore - la legge, di fatto, non prevede l’obbligo assoluto di bonifica, ma sancisce il dovere di individuare i manufatti contenenti amianto e definire il loro stato”.

Rispetto alle richieste di informazioni presentate dai cittadini, Leccese aggiunge: “La scelta del tipo di bonifica dipende dalla conservazione dei materiali che contengono amianto e si realizza attraverso modalità differenti: rimozione, incapsulamento e confinamento, inoltre, nel momento in cui l’amianto viene rimosso diventa un rifiuto potenzialmente pericoloso tale da essere smaltito seguendo tecniche precise”.

L'abbandono di amianto sul suolo pubblico – ricorda Leccese - viene punito con pesanti sanzioni e i responsabili individuati, oltre a dover pagare la sanzione, devono provvedere alla rimozione, allo smaltimento e al ripristino dello stato dei luoghi in cui hanno abbandonato il materiale”.

I cittadini che possiedono tettoie, rivestimenti isolanti, pavimentazioni, all’interno della loro proprietà, possono fare valutare i manufatti considerando anche gli incentivi fiscali per interventi di rimozione, ristrutturazione, sostituzione di coperture in amianto con pannelli fotovoltaici.

 

Articolo di Giovedì 10 Ottobre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it