Condividi la notizia

POLITICA

Botta e risposta fra Adesso Badia e l’amministrazione Rossi

Poca trasparenza e la mancata pianificazione della città, questa l’accusa della minoranza al Sindaco di Badia Polesine (Rovigo) che risponde per le rime

0
Succede a:

BADIA POLESINE (RO) - Adesso Badia incalza l’amministrazione Rossi su due temi: La poca trasparenza e la mancata pianificazione della città: “In 27 mesi un solo piano degli interventi”.

Sulla trasparenza la lista lamenta la cronica tardiva pubblicazione delle delibere che finirebbe con l’ostacolare anche l’attività dei propri Consiglieri, privandoli d’informazioni indispensabili “ … Alla faccia della trasparenza!”

Sul secondo punto il gruppo di minoranza lamenta i tempi biblici “più di due anni e mezzo per un solo piano, sono tempi ingiustificabili” che le doti oratorie di Giovanni Rossi e i suoi reiterati annunci spesso disattesi non possono mascherare. Non basta, perché “Non c’è alcuna programmazione per i piani del colore per gli esterni degli edifici e del traffico, per migliorare il centro storico”. Tutti elementi che fanno la differenza quando si visita un paese.  Nel “quarto Piano degli Interventi” del centro storico, approvato con tempi biblici, manca un accordo di programma e non ci sono entrate dalle perequazioni urbanistiche per cofinanziare nuove opere pubbliche. Insomma per il gruppo di Stroppa: niente risorse, pochi progetti.

Ma non finisce qui, perché Adesso Badia punta il dito anche sulla variante agli impianti sportivi di via Martiri di Villamarzana per i quali nel 2008 era stata ipotizzata la costruzione di un polo natatorio. “Con questa soluzione, secondo il gruppo di minoranza, le società sportive di rugby e calcio non potranno più utilizzare questi spazi perché saranno realizzati due capannoni per 4.200 metri quadrati”. In passato era stata individuata un’area a Villa d’Adige per realizzare il “Palapolenta” ma ora non si capisce quali siano le intenzioni della maggioranza. Il dubbio sollevato è che siano spazi tolti alla pratica sportiva per ospitare sagre, concerti, esposizioni temporanee e altro ancora.

Sul primo punto, risponde il Sindaco ammettendo qualche ritardo, però giustificato dalla necessità burocratica di perfezionare gli atti. Giovanni Rossi però aggiunge: “… i consiglieri possono visionarli liberamente indipendentemente dall’avvenuta pubblicazione, basta che lo vogliano fare; quanto al ‘Comune digitale’ capisco che sia un loro cavallo di battaglia ma non può diventare la priorità amministrativa”. 

L’assessore Stefano Baldo, sugli altri rilievi risponde invece che “Alcune considerazioni sono rispettabili, anche se sui ritardi lamentati va ricordato che prima si è dovuto portare a termine nel marzo 2018 il terzo piano degli interventi accogliendo due modifiche”. In questo momento l’amministrazione sta portando avanti sia il quarto “già andato in adozione” che il quinto piano degli interventi. “Gli accordi di programma semmai andavano fatti prima, sostiene l’Assessore, adesso (soprattutto nel 5° P.I.) si è cercato di andare incontro alle necessità d’interventi marginali, perché nel centro non si profilano nuove lottizzazioni; stiamo semplicemente portiamo avanti un lavoro iniziato anni fa col PAT”. 

Sulle mancate perequazioni urbanistiche, Baldo si limita a ricordare che: “Stiamo parlando di un centro storico in cui notoriamente non ci sono lottizzazioni compensative”. Sull’assenza di un piano del colore, invece, precisa: “È giusto che si sappia che è stata inserita una norma che subordina qualsiasi intervento sulle facciate alla contestualizzazione complessiva degli edifici esistenti”. Baldo spiega inoltre che, le aree oggetto del rilievo sono state messe a disposizione degli eventi d’interesse generale, “Nulla toglie che se qualcuno si propone per realizzare le piscine, può ancora farlo”. Infine, una battuta sulle aree sportive: “La variante introdotta non toglie assolutamente spazio alle discipline sportive esistenti, se poi mi si dice che tutto è migliorabile, lo accetto ma si facciano delle proposte alternative praticabili”.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Venerdì 11 Ottobre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it