Condividi la notizia

POLITICA

Patrizia Bartelle coordinatrice regionale di Italia in Comune

A Villafranca Padovana la consigliera regionale della provincia di Rovigo è stata eletta ad un ruolo di coordinamento per il Veneto

0
Succede a:
VILLFRANCA PADOVANA (PADOVA) - Patrizia Bartelle, consigliere regionale polesana, è stata nominata coordinatrice regionale di Italia in Comune, il partito politico fondato da Federico Pizzarotti sindaco di Parma. Presidente per il Veneto è stato eletto è Adis Zatta, assessore del Comune di Feltre e presidente del consiglio di bacino rifiuti di Belluno.

Questo l'esito del congresso regionale di Italia in Comune che si è tenuto domenica 13 ottobre a nel luogo dove è nata la prima sezione di Italia in Comune in Veneto, Villafranca Padovana. 
Era presente un buon 45% degli iscritti che ha votato gli organi statutari, appunto il presidente e il coordinatore regionale, due figure che fino a questo momento erano state nominate dai soci fondatori in attesa che si celebrassero i congressi regionali. Il Veneto è la terza regione che elegge i propri vertici. Il direttivo ha ritenuto di istituzionalizzare una nuova figura, il referente scientifico, scelto in Vincenzio Pietrantonio, medico rianimatore e presidente Isde di Padova.

"Ora sarò referente ufficiale - spiega Bartelle - nel rapportarmi con le altre forze politiche, in sintonia con i territori e il presidente Zatta". 

Le parole chiave che hanno dettato le linee programmatiche sono state riorganizzazione del partito, buona politica, programmazione, rigore, competenze, oltre alla volontà di creare una squadra per le prossime elezioni regionali. 
"Per me si apre una fase ancora più impegnativa - commenta Bartelle - che conferma il buon lavoro fatto fino ad oggi, ma che da oggi sarà una responsabilità effettiva a tutela del territorio e a difesa della salute.
Faccio notare che il presidente è della provincia di Belluno, la coordinatrice di Rovigo, il referente scientifico di Padova con il preciso intento di attivare una cucitura dei territori a partire dalle periferie, per noi non esistono territori di seria A e altri di serie B".
Articolo di Lunedì 14 Ottobre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it