Condividi la notizia

L’INIZIATIVA

Un’esperienza a contatto con la natura [VIDEO]

L’agriturismo Valgrande di Bagnolo di Po’ (Rovigo) ha ospitato una ventina di bambini e le rispettive famiglie nell’ambito del “Progetto Fattorie Didattiche” della Regione Veneto

0
Succede a:

BAGNOLO DI PO (RO) – Domenica 13 ottobre, anche in Polesine, si è svolta la diciassettesima edizione “Fattorie aperte”, promossa dalla Regione del Veneto, in collaborazione con le Organizzazioni professionali agricole. Si tratta di un’opportunità, dedicata a piccoli e grandi, di vivere un’esperienza a contatto con la natura, dove imparare a “osservare”, “ascoltare” e “gustare” … a passo lento (il 2019 è stato dedicato proprio a questo tema), per riconoscere e far crescere emozioni nell’incontro con gli altri, dove imparare a stare insieme diventa facile e bello. Con il “Progetto Fattorie Didattiche” la Regione Veneto intende sostenere le politiche di valorizzazione del turismo rurale.

Nella nostra provincia sono state ben 20 le aziende che hanno aderito. Fra queste, l’agriturismo Valgrande di Bagnolo di Po’ ha ospitato una ventina di bambini e le rispettive famiglie in una giornata di svago che è andata sviluppandosi con l’obiettivo di colmare la distanza tra cultura urbana e cultura rurale ed ogni cosa è diventata un pretesto per fare educazione: sia dal punto di vista alimentare, grazie ad uno spuntino a base di prodotti biologici coltivati dall’azienda, sia dal punto di vista ambientale, insegnando ai coinvolti il rispetto della natura e ad amare questa risorsa sempre più preziosa. I bambini hanno accarezzato le anatre, i cavalli, gli asini dell’agriturismo ed è stato insegnato loro a distinguere i vari derivati del mais oltre che a cucinare biscotti in autonomia. Monica e Alberto, i proprietari dell’agriturismo, hanno curato personalmente tutti gli aspetti organizzativi della giornata, dalle lezioni ai laboratori didattici. Erano presenti anche alcuni giovani disabili dell’associazione La Volanda che hanno potuto così vivere una giornata all’insegna dell’integrazione culturale e dello svago.

Un particolare gradimento ha riscontrato la “merenda con i biscotti auto realizzati” (v. video) che, per quelli de La Volanda è divenuto in qualche modo un’estensione del progetto “mani in pasta”, avviato nell’ambito del progetto autonomia svolto nell’appartamento autogestito in Stienta.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Giovedì 17 Ottobre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it