Condividi la notizia

SOLIDARIETA’

Fàedèsfa e la collaborazione con le scuole di Rovigo

La dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo Maria Elisabetta Vigna racconta il rapporto positivo tra l'Istituto Comprensivo Rovigo 2 e la Onlus di Fratta Polesine

0
Succede a:
ROVIGO - La solidarietà vince sempre. Il messaggio dell’associazione Fàedèsfa con sede a Fratta Polesine parla a tutti, soprattutto ai bambini e ai giovani. E quando a essere coinvolti sono proprio i più piccoli, si crea qualcosa di unico. Nasce così il rapporto della Onlus polesana con tante realtà scolastiche del territorio tra le quali l’Istituto Comprensivo 2 di Rovigo.

La dirigente scolastica, Maria Elisabetta Vigna, si esprime con entusiasmo rispetto alle attività dell’associazione sempre dalla parte dei bambini. Ed è proprio la dottoressa Vigna a parlare del rapporto positivo tra la scuola e la Onlus.

Quando è nata la collaborazione tra Istituto Comprensivo 2 e Fàedèsfa?
“È nata in un momento toccante per il nostro istituto, ovvero 3 anni fa, quando i ladri fecero razzia presso la scuola Parenzo e portarono via tanto materiale scolastico interattivo che serviva per la scuola potenziata e che avrebbe permesso anche ai ragazzi diversamente abili di crescere e imparare. La disponibilità dell’associazione Fàedèsfa a collaborare in modo benefico ci ha permesso di riavere il materiale sottrattoci, oggi utilizzato nei vari plessi”.

Come è poi continuato il rapporto con Fàedèsfa?
“Dopo questo felice inizio, la collaborazione è continuata e continua tuttora. Per gli allievi ragioniamo sempre in termini di scuola inclusiva e di materiali spendibili in tal senso. Verso la fine dell’estate, come successo anche quest’anno, abbiamo gli strumenti che poi vengono redistribuiti tra i plessi. Non mancano momenti di gioia e positività per tutti con la consegna delle uova di Pasqua che viene fatta nel periodo primaverile”.

Quale beneficio ha tratto la scuola dal rapporto con la Onlus?
“Al di là del materiale che per i ragazzi è fondamentale e per cui esprimo costantemente il mio enorme grazie a Fàedèsfa insieme a quello dei docenti coinvolti, io credo che questa esperienza abbia tracciato una strada verso la solidarietà e il gioco di squadra. Fàedèsfa porta con sé un messaggio importante, ovvero quello di aiutare gli altri. Vedere genitori, figli, insegnanti e personale collaborare per crescere insieme mi fa capire quanto il messaggio sia potente e venga percepito da tutti”.

Cosa ne pensa della realtà di Fàedèsfa?
“Io ammiro questa associazione composta da tanti volontari che si impegnano per realizzare qualcosa di unico nel panorama polesano ma anche nazionale. L’entusiasmo si percepisce in ogni cosa che Fàedèsfa mette in campo. Abbiamo bisogno di questa associazione, ma soprattutto abbiamo bisogno del messaggio che lascia affinché ci sia sempre un passo nuovo verso la solidarietà e l’aiuto reciproco”.

 
Articolo di Giovedì 17 Ottobre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it