Condividi la notizia

COMMERCIO

Vendita di alcolici, torna l'obbligo di licenza

E' stato reintrodotto l'obbligo di denuncia fiscale sia per la vendita che la somministrazione di alcolici e bevande alcoliche. Confartigianato al fianco delle imprese per le comunicazioni telematiche al Suap

0
ROVIGO - Dopo 2 anni di esenzione, decreto semplificazione, viene reintrodotta la licenza fiscale di esercizio a carico di numerose attività produttive. Torna infatti l’obbligo di effettuare la denuncia fiscale per la vendita e somministrazione di alcolici a carico degli esercizi pubblici, di quelli di intrattenimento pubblico, degli esercizi ricettivi e dei rifugi alpini (ex licenza UTIF), obbligo che per ragioni di semplificazione era stato abolito dalla legge per il mercato e la concorrenza n. 124 del 2017 e che oggi è stato reintrodotto dalla legge n. 58 del 28 giugno 2019.

L'obbligo di denuncia fiscale, spiega in una nota Confartigianato Polesine, è stato reintrodotto per tutte le attività che usufruivano dell'esonero, quindi per tutte le attività che son state aperte dal 29 agosto 2017 in poi. Suddetta licenza, una volta inviata avrà validità permanente.

Invece per tutte quelle aziende, aperte prima del 29 agosto 2017 (data dalla quale veniva previsto l'esonero dalla denuncia), non saranno tenute alla presentazione di alcuna nuova denuncia, fatto salvo non siano intervenute variazioni.
Eventuali comunicazioni, dovranno essere inoltrate, entro il 31.12.2019.

Confartigianato Polesine, si propone di assistere gli esercenti all’invio della relativa denuncia telematica tramite Suap.
Per ulteriori informazioni è possibile contattare la segreteria dell'associazione artigiani di Piazza Duomo a Rovigo telefonando allo 0425.474772.
Articolo di Lunedì 21 Ottobre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it