Condividi la notizia

TEATRO DON BOSCO

Aquile randagie in città. Il film degli scout clandestini durante il fascismo 

Venerdì 25 e domenica 27 due proiezioni a Rovigo del film di Gianni Aureli. Racconta la storia vera di un gruppo di ragazzi che si rifiutarono di cessare l’attività, usando messaggi cifrati e in codice per riunirsi

0
Succede a:

ROVIGO - Grazie al forte interessamento dei gruppi scout di Rovigo arriva in proiezione in città il film Aquile randagie di Gianni Aureli. Il film racconta la storia delle Aquile randagie, gruppo di ragazzi scout che svolgevano attività clandestinamente all'epoca del fascismo.Il film è stato distribuito il 30 settembre 2019 in quasi 240 sale, ottenendo un secondo posto stabile al botteghino dietro C'era una volta a... Hollywood di Quentin Tarantino per tutta la durata della programmazione iniziale. Visto l'alto interesse da parte del pubblico la programmazione è stata prorogata per tutta la settimana in altre 109 sale.

Ora Aquile randagie potrà essere visto anche al teatro cinema Don Bosco dove verrà proiettato venerdì 25 ottobre alle 21 e domenica 27 ottobre alle 17.30, costo del biglietto 7 euro a persona. 

Si facevano chiamare Aquile randagie i ragazzi del gruppo di scour di Milano, Monza e Parma che svolgeva attività giovanili clandestine durante il periodo del fascismo. Una delle cosiddette Leggi Fascistissime, aveva decretato infatti lo scioglimento dei Reparti scout nei centri inferiori a 20.000 abitanti, e l'obbligo di inserire l'acronimo Onb (Opera Nazionale Balilla) nelle insegne dei rimanenti. Papa Pio XI fu costretto a dichiarare sciolta l'associazione scoutistica cattolica (Asci) il 24 gennaio dello stesso anno. Il 9 aprile 1928 tutto lo scautismo fu dichiarato soppresso dal Consiglio dei ministri. Anche il gruppo scout Milano 2 e il gruppo scout Milano 6 deposero ufficialmente le proprie insegne (fiamme). Ma alcuni di essi si rifiutarono di cessare l'attività. Usando messaggi in codice e cifrati per non venire scoperti, quei ragazzi continuarono a ritrovarsi, tenendo anche regolari campi scout d'estate in Val Codera (Sondrio), e svolgendo regolari attività scout. Dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 le Aquile Randagie, insieme ad altri, diedero vita all'Oscar (Organizzazione Scout Collocamento Assistenza Ricercati) che si impegnò in un'opera di salvataggio di perseguitati e ricercati di diversa nazione, razza, religione, con espatri in Svizzera (noto quello di Indro Montanelli) e concludendo il proprio servizio proteggendo la vita, a guerra finita, ai persecutori di ieri.

Tra gli attori Teo Guardini, Alessandro Intini, Romeo Tofani, Anna Malvaso e Marco Pratesi e tanti altri, durata 100 minuti.

Articolo di Martedì 22 Ottobre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it