Condividi la notizia

4 NOVEMBRE STIENTA

Enrico Ferrarese: Pace, dialogo e uguaglianza i valori fondanti l’Italia

Celebrata l'Unità d'Italia e la giornata delle Forze armate nel comune di Stienta con il primo cittadino, il maresciallo dei carabinieri Mario Cappelli, il caporale maggiore Giuseppe Contarino dell'Esercito

0
Succede a:
STIENTA (Rovigo) – All’appuntamento con le celebrazioni per la giornata dell’Unità Nazionale e la Festa delle Forze armate, non poteva mancare l’amministrazione comunale di Stienta. Baciata dal sole, lunedì mattina 4 novembre, una delegazione capitanata dal sindaco Enrico Ferrarese, ha prima reso omaggio alle targhe commemorative poste a fianco della sede municipale e, quindi, al monumento ai caduti di tutte le guerre posto in Piazza Santo Stefano, deponendo una corona d’alloro.


Anche in questo caso si è trattato di una cerimonia sobria per riflettere sulle tragedie del passato auspicando un futuro di pace e prosperità per tutti.
Il sindaco Enrico Ferrarese, ha preso parola rimarcando l’importanza di trasmettere alle generazioni presenti e future i valori fondanti della nostra Italia, basati su pace, dialogo e uguaglianza. Non poteva mancare un doveroso pensiero rivolto alle Forze armate che garantiscono questi valori.

Presenti alla cerimonia il maresciallo Mario Cappelli, vicecomandante della stazione Carabinieri di Stienta ed il caporale maggiore capo scelto Giuseppe Contarino di Stienta che ha rappresentato il Comando militare Esercito "Emilia Romagna" e le unità di polizia municipale  Gherardi e Caselli.
Il parroco don Giancarlo Berti ha poi proceduto alla benedizione e alla preghiera in suffragio per i caduti. Hanno accompagnato il sindaco, l’assessore Marco Franchi e il consigliere Rolando Baruffaldi.
Ugo Mariano Brasioli
Articolo di Martedì 5 Novembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it