Condividi la notizia

COMUNE

Nasce Urban cafè per condividere idee e progetti

L’idea è quella di coinvolgere i protagonisti e gli attori della vita pubblica di Lendinara (Rovigo). Alessandro Ferlin: “Il cittadino deve riappropriarsi di un’identità sociale propria”

0
Succede a:

LENDINARA (RO) – Ci sono idee che non costano nulla ma che possono migliorare il clima delle relazioni umane (anche politiche) rimettendo in circolo la voglia di dialogo anche nelle sedi extraistituzionali. Fra queste si colloca la proposta lanciata l’8 novembre scorso da Urbanitas, col fine di rendere maggiormente condivisa l’attività politico-amministrativa e culturale in Lendinara, si chiama “Urban Cafè” ed è un progetto ambizioso che ha come obiettivo, la partecipazione attiva e consapevole del cittadino nelle scelte della propria realtà. Giocando col nome del gruppo che lo propone, il progetto Urban Cafè prende spunto dalla filosofia degli storici caffè viennesi, che hanno cambiato la cultura favorendo lo sviluppo democratico dell’Europa.

L’idea è quella di coinvolgere i protagonisti e gli attori della vita pubblica Lendinarese e non solo, che siano in grado di proporre e discutere tematiche importanti traducibili in linee guida verso un ritorno a momenti di florida serenità economica e culturale nel territorio. Le idee benvenute, i suggerimenti e le condivisioni di obiettivi fra le componenti della comunità, darebbero nuovo impulso al dialogo e risulterebbero volano per lo sviluppo di Lendinara innanzitutto e del Polesine.

“Siamo convinti, ha detto Andrea Da Corte, che il coinvolgimento attivo possa far bene a tutti, nei più disparati ambiti quali: il commercio, l’imprenditoria, l’agricoltura, le società di servizio, lo sport, le associazioni, i movimenti civici e i partiti, i cittadini di tutte le età e le categorie professionali con beneficio per tutti”.

Consapevoli di essere in controtendenza rispetto a quanto è in auge nella politica attuale e contro la logica dell’uomo forte, che a colpi di slogan parla alla pancia della gente, estremizzando e pilotando i concetti verso la chiusura e la contrapposizione divide le comunità, Urbanitas propone un atto di responsabilizzazione del cittadino e una ripresa dei concetti democratici fondamentali, per tornare a ragionare con la testa. “Fra l’altro, aggiunge Alessandro Ferlin, anziché delegare incondizionatamente il proprio destino alla classe politica, il cittadino deve riappropriarsi di un’identità sociale propria, atta formare in modo sinergico una coscienza collettiva e costruire un solido futuro per i nostri figli nei valori della nostra cultura”. Quindi una politica bottom up (che parta dal basso), che arricchisce perché si avvale dell’esperienza e del vissuto di ciascuno per promuovere idee ed azioni per la pubblica amministrazione e la comunità locale. Guardare agli interessi e ai bisogni della comunità e in senso più alto della politica, porta ad una visione lungimirante di una civiltà che deve coordinare le azioni e indirizzare le risorse per conseguire uno sviluppo sostenibile e responsabile del territorio.

Urban Cafè è la proposta per ridestare Lendinara, esortandola a reagire al declino di un futuro che appare segnato e incitandola a riprendersi in mano il proprio destino, attraverso la vivacità sociale e la partecipazione alle scelte.

Gabriele Giuriato e Federica Ferracin coordinatori del progetto Urban Cafè sono convinti che: “Saremo provocatori di discussioni e inviteremo tutti a partecipare, anche attraverso i social media, gli streaming consiliari e le assemblee pubbliche. Vogliamo che i cittadini siano gli stakeholder entusiasti della comunità. Stiamo creando di fatto il caffè politico, culturale e sociale della città, Urban Cafè sarà patrimonio di tutti”.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Domenica 10 Novembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it