Condividi la notizia

CULTURA

Il monastero e la città, seminario di due giorni

Relatori di prestigio nazionale nella sede del Museo dei Grandi Fiumi il 15 e 16 novembre a San Bartolomeo a Rovigo, uno dei gioielli storici e architettonici della città. Previste anche visite guidate

0
Succede a:

ROVIGO - Tra storia ed evocazione religiosa. Per evidenziare il profondo rapporto identitario tra il Monastero e la città di Rovigo. Il 15 e il 16 novembre la sala ‘Flumina’ del Museo Grandi Fiumi ospiterà il seminario di studi dal titolo “Il monastero e la città. San Bartolomeo di Rovigo: vita religiosa, arte, cultura, economia”, un evento realizzato con il coordinamento scientifico di Stefano Zaggia dell'Università di Padova e la segreteria organizzativa dell’associazione Minelliana, presieduta da Mario Cavriani. Nella due giorni si alterneranno al microfono relatori di prestigio nazionale con l'obiettivo di valorizzare uno dei gioielli storici e architettonici della città, con approfondimenti che riguardano la vita religiosa, l'arte, la cultura e l'economia.

La genesi dell'iniziativa la spiega Mario Cavriani, presidente della Minelliana. “Sentivo la mancanza nella produzione editoriale della Minelliana - afferma Cavriani - dopo le due pubblicazioni sulla Chiesa della Rotonda, il tempio più importante della Città dal punto di vista storico-artistico, di una pubblicazione che valorizzasse, con studi aggiornati, il complesso monumentale del Monastero di San Bartolomeo, sorto ancora in età medievale, che è stato un importante centro religioso e culturale olivetano. Inoltre - aggiunge Cavriani - la Minelliana ha contribuito a salvare questo luogo dal rischio di diventare un complesso residenziale. Negli anni Ottanta, la Minelliana aveva sede in alcuni locali del Monastero oramai quasi fatiscente, e si è attivata insieme al Cpssae per convincere gli amministratori dell’epoca, coinvolgendo l’opinione pubblica, a preservare questo immobile per la comunità, impedirne la distruzione e avviare il suo restauro per trasformarlo in un centro culturale”.

Il denso programma prevede venerdì 15 novembre alle 9,30 i saluti delle autorità e, a seguire, la presentazione del seminario da parte di Mario Cavriani. Quindi alle 10,15 la prolusione di Dom Christopher Zielinskj sul tema “I monasteri olivetani nelle periferie delle città”. La prima sessione di lavori dalle 10,45 sul tema «Storia antica e vicende archeologiche del sito» vedrà come protagonisti Stefano Zaggia, Raffaele Peretto, Sandra Bedetti, Andreina Milan e Luisa Servadei. Nella seconda sessione sul tema “Gli Olivetani di Rovigo: la fondazione, i rapporti e le strutture materiali”, prevista alle 14,30 parleranno invece Mauro Tagliabue, Tamara Tolnai, Pier Luigi Bagatin e Stefano Turolla.

Alle 16,30 è prevista la terza sessione su “Arte , cultura e committenza a San Bartolomeo” con relatori Luigi Bagatin, Stefano Zaggia, Gianmario Guidarelli, Antonio Romagnolo, Ida Fuggetta e Massimo De Grassi.

Sabato 16 novembre la seconda giornata del seminario si aprirà alle 9.30 per la quarta sessione sul tema “Musica e teatro a San Bartolomeo”: ne parleranno Stefania Malavasi, Francesco Passadore e Antonio Lodo, mentre nella quinta e ultima sessione con inizio alle 10,30 , il tema «Vicende economiche e soppressione del Monastero» sarà approfondito da Stefania Malavasi, Adriano Mazzetti, Luigi Contegiacomo, Marco De Poli, Paola Vianello e Raffaele Peretto.

Il seminario prevede anche proposte collaterali gratuite con “Il monastero si racconta”, progettate con la ditta Aqua. Si tratta di visite guidate, la prima venerdì alle 15,30 e la seconda sabato alle 10,30, rivolta a famiglie con bambini da 6 a 11 anni. Un modo per coinvolgere maggiormente la cittadinanza a questo importante appuntamento di conoscenza della nostra storia, dei nostri luoghi e del nostro passato.

Infine venerdì ore 18.30 nella chiesa di San Bartolomeo si terrà un concerto d’organo dal titolo “Elevazione Musicale” con i musicisti Giorgio Mazzucato, Vittorio Zanon e Luca Fantato. La manifestazione gode del patrocinio di Comune di Rovigo, Provincia di Rovigo, Dipartimento di Ingegneria civile edile e ambientale dell’Università di Padova, Diocesi di Adria e Rovigo e Accademia dei Concordi di Rovigo e la collaborazione di Museo dei Grandi Fiumi, parrocchia di San Bartolomeo di Rovigo, Cpssae di Rovigo, Istituto di Istruzione Superiore 'Edmondo De Amicis' di Rovigo e infine Aqua - Natura e Cultura.

Articolo di Martedì 12 Novembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it