Condividi la notizia

MERCATINO PAPOZZE

Successo per il mercatino di d'hobbistica di Papozze

Per la prima volta a Papozze (Rovigo) si è svolto un prolifico mercatino di hobbistica, con stante bancarelle ed espositori che hanno interessato le persone presenti

0
Succede a:
PAPOZZE (Rovigo) - Domenica 10 novembre scorso, in una giornata soleggiata ma pungente nel suo primo freddo di metà autunno, Papozze si è svegliata al rumore dei camioncini, auto, al chiacchiericcio degli espositori che dietro al sorriso dei “buongiorno” chiedevano quale fosse il numero del posteggio loro assegnato.

Si iniziava ufficialmente il “primo mercatino dell’antiquariato e hobbistica” di Papozze con cinquanta espositori provenienti non solo dalla provincia di Rovigo, ma anche da quella di Ferrara e Verona. 


Complice il sole dell’estate di San Martinocon entusiasmo gli espositori hanno iniziato ad allestire i loro banchetti ed esporre la loro pregevole merce, tra cui moltissimi manufatti, apprezzata dal ragguardevole afflusso di curiosi, intenditori, acquirenti accorsi  sin dalla prima mattinata: infatti non si è fatto attendere molto il corteo di persone che si sono aggirate tra le numerose bancarelle a caccia del pezzo tanto cercato o semplicemente a prendere spunto per il prossimo Natale.

Il mercatino è iniziato immediatamente in un clima di forte laboriosità, anche da parte dei numerosi volontari che, a partire da metà mattinata, erano già all’opera per preparare delle calde vivande e bevande per accontentare la gola dei presenti: tagliare le verdure per la farcitura delle piadine, affettare le mele per il vin brulé, “castrare” le castagne per arrostirle, impregnando inevitabilmente l’aria di forti odori e profumi speziati.

Nel frattempo Fabrizio Radica, titolare di Retro Academy, accoglieva i molti appassionati di informatica dimostrandosi sapiente conoscitore dei pezzi in mostra, rigorosamente autentici, risalenti  agli anni 70/80/90 del secolo scorso, coinvolgendo genitori e figli anche nei videogiochi da lui programmati.

Davvero una domenica, quella del 10 novembre, inconsueta e sorprendente: finalmente Papozze era riuscita a portare in piazza non solo la sua gente ma anche le numerosissime persone dai vicini paesi.

Tutto questo grazie alla incondizionata sinergia tra società sportiva di Papozze, Ups, amministrazione comunale che ha concesso il patrocinio, biblioteca comunale, tra le associazioni Ematoma Racing e Auser. Ma un plauso particolare va al compatto gruppo dei volontari che instancabilmente da mattina a sera ha dato il determinante contributo per la buona riuscita della giornata, in un clima goliardico animato soprattutto da grande reciproca stima, amicizia e rispetto.

Il mercatino ha creato un clima quasi d’altri tempi quando rappresentava il momento di aggregazione, di ritrovo, di strette di mano per concludere una contrattazione, un affare.


Un’atmosfera quasi magica si è creata subito dopo il tramonto del sole con l’accensione delle nuove luminarie posizionate lungo i portici, con le "lumasse" che facevano da cornice alla piazza, i ragazzi a parlottare  attorno al braciere delle caldarroste, finalmente connessi tra di loro, senza cellulare tra le mani attratti dalla realtà vera e non virtuale. Anche questo è stato il mercatino di Papozze.

 
Articolo di Martedì 12 Novembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it