Condividi la notizia

ECONOMIA

Il debito pubblico è un’invenzione

La finanza comanda e decide attraverso il controllo dell’emissione monetaria, lo hanno evidenziato con forza Claudio Bertoni e Claudio Pisapia del Gruppo Economia cittadini di Ferrara (Gecofe) a Badia Polesine (Rovigo)

0
Succede a:

BADIA POLESINE (RO) – Il debito pubblico è un’invenzione così almeno la pensano Claudio Bertoni e Claudio Pisapia del Gruppo Economia cittadini di Ferrara (Gecofe) attivo da anni con una visione dell’economia di controtendenza, ospiti del CDP venerdì 8 novembre dove si è parlato di economia sul tema: Moneta, Debito Pubblico e Banche.

Claudio Pisapia, autore del libro “Pensieri Sparsi”, ha evidenziato la comune e distorta percezione del debito pubblico, mentre Claudio Bertoni, che ha esperienza nel settore del Commercio equo e solidale occupandosi del settore dei beni rifugio e nel trading in Borsa, si è concentrato su moneta e macro-economia. Dall’ottobre del 2011 entrambi si occupano di studi economici. Partendo dall’assunto che la moneta è un’istituzione convenzionale il cui valore è dato dall’uomo in un sistema di relazioni e scambi regolati dal diritto, i Due hanno sviluppato la loro analisi sul debito pubblico e il ruolo delle banche.

In estrema sintesi, Loro sostengono che la crisi finanziaria ha evidenziato come la Politica si scontra con la supremazia dell’economia intesa non come fonte di beni necessari, utili, vantaggiosi, ma come fonte di profitto per chi investe a scopo speculativo. Le banche, la cui funzione dovrebbe essere quella di raccogliere il denaro eccedente per collocarlo dove è utilizzabile “a beneficio” della società organizzata e produttiva, sono divenute l’ingranaggio essenziale di una macchina che produce l’accumulo delle ricchezze nelle mani dei pochi. Claudio Bertoni, in particolare, è convinto che dietro lo spauracchio del debito pubblico, la classe politica agisca favorendo gli interessi del mercato finanziario globalizzato, puntando all’abbassamento del costo del lavoro collegato alla produttività a scapito dei reali interessi delle famiglie e dei lavoratori.

L’istituto McKinsey, fra i più influenti al mondo, nel 2015 denunciava l’abnorme aumento dell’indebitamento di Stati dall’inizio della crisi del 2011. Il rapporto debito/pil è da paura. Il mondo è super indebitato, ma la domanda da porsi dovrebbe essere: “Con chi”? Il punto è questo: “Se lo Stato utilizzasse (come in passato) il monopolio della moneta a uso dei cittadini, toglierebbe potere alla finanza”. L’altro punto sono gli enormi interessi in gioco, sul governo del sistema energetico, produttivo e distributivo per cui, facendo credere allo stato che ha un debito pubblico da gestire come un debito privato, si spinge ad abbassarlo aumentando le tasse e svendendo tutto al mercato per ripagarlo.

Di fatto, la finanza comanda e decide attraverso il controllo dell’emissione monetaria, grazie ai politici proni al sistema che hanno rinunciato alla sovranità monetaria. Dunque, secondo i due relatori, il problema dei problemi sta nel fatto che, se lo stato s’indebita nella propria moneta, può sempre stamparla in caso di difficoltà e rifinanziare il debito. Magari questo può creare inflazione, ma il rischio d’insolvenza si abbassa. Se invece lo stato si è indebitato in valuta estera, questa possibilità non esiste e cresce il rischio di default (la Grecia insegna), perché non controlla più l’emissione monetaria. Nel caso italiano quasi tutto il debito è denominato in euro, una moneta che non possiamo stampare a piacere ed è come se il debito fosse denominato in valuta estera. La soluzione sarebbe il ritorno alle banche centrali nazionali, che possono lavorare con un patrimonio in negativo, non dovendo restituire nulla a nessuno. Bisognerebbe ripensare il sistema delle relazioni monetarie internazionali, ma questa è una decisione politica.

Insomma lo Stato avrebbe gli strumenti per uscire da questo spauracchio fasullo e fare il suo lavoro, cioè difendere la sua sovranità, ma questo farebbe gli interessi della gente normale non dell’alta finanza.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Mercoledì 13 Novembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it