Condividi la notizia

DISASTRO PORTO TOLLE

Epocale evento catastrofico. Distrutti nuovamente i capanni della Sacca di Scardovari [VIDEO]

Tutte le istituzioni vicine al Comune di Porto Tolle. Dichiarato lo stato di crisi in Regione Veneto, il sindaco Pizzoli annuncia la richiesta di indennizzo per calamità naturale.

0
Succede a:
PORTO TOLLE - Pesca ancora una volta sospesa, dopo la devastazione della tromba d'aria dello scorso 2 agosto. Per la terza volta il Comune di Porto Tolle si trova a dover fronteggiare una emergenza maltempo che ha messo in ginocchio l'intero comparto produttivo della molluschicoltura (LEGGI ARTICOLO).

Il presidente del Consorzio cooperative pescatori del Polesine Luigino Marchesini non aggiunge molto a quanto già riportato dalla mattinata: tutti danneggiati gli impianti in Sacca, 57 le cavane abbattute su 65 complessive. Stop forzato alla pesca. Ingentissimi i danni a cui bisogna fronteggiare nel giro di qualche settimana. L'esperienza della ricostruzione stima in almeno 30.000 euro l'una le cavane, a cui bisogna aggiungere i pontili, la pesa, i macchinari per il trasporto del pescato. Con questi numeri l'ordine di grandezza dei danni è dell'ordine di milioni e milioni di euro.


"Una situazione dolorosa: vedere la propria gente perdere gli strumenti per il proprio lavoro, e piangere, è quanto un sindaco non vorrebbe mai assistere (LEGGI ARTICOLO)" ha commentato il sindaco Roberto Pizzoli che ha trascorso la notte in Sacca con l'assessore Raffaele Crepaldi.

Dall'assessore della Regione Veneto Cristiano Corazzari, che ha portato il messaggio del collega assessore Gianpaolo Bottacin e del presidente Luca Zaia, la conferma che come Regione Veneto "abbiamo già dichiarato lo stato di crisi per Venezia e tutte le altre località lasciando aperto il decreto con la modalità che tutte le segnalazioni che via via arriveranno saranno accolte".
Il passaggio formale è essenziale per dar modo al territorio di procedere con la richiesta di indennizzo per calamità naturale, un percorso già annunciato dal sindaco Roberto Pizzoli.

"Ringrazio tutte le istituzioni che ci sono state vicini - ha affermato Pizzoli - in particolare il prefetto Maddalena De Luca con la quale ci siamo sentiti anche nella notte, così come la Regione, la Provincia e tutti i colleghi consiglieri provinciali ed i colleghi sindaci".

Anche il presidente della Provincia di Rovigo Ivan Dall'Ara, all'estero per motivi famigliari, appresa la notizia del disastro che ha colpito le popolazioni del Delta ed in particolare le strutture dedite alla pesca si è subito messo in contatto con i sindaci del Delta ed in particolare con Roberto Pizzoli, sindaco di Porto Tolle. Oltre a manifestare la propria solidarietà e vicinanza, Ivan Dall'Ara si è reso disponibile, anche a nome del consiglio provinciale, ad intraprendere insieme tutte le iniziative politiche ed amministrative per cercare di riportare la normalità nelle zone disastrate.
Articolo di Mercoledì 13 Novembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it