Condividi la notizia

COMUNE

Sul bunker bar è polemica rovente 

Fiamme sul Pacifico, cronache dal consiglio comunale di Lendinara (Rovigo). Botta e risposta tra il sindaco Luigi Viaro e Alessandro Ferlin

0
Succede a:

LENDINARA (RO) – Streaming o non streaming certamente i consigli comunali a Lendinara sono sempre effervescenti, a conferma che le ruggini di una campagna elettorale infuocata (che ebbe il suo clou nel “Triello” al teatro Ballarin) non sono superate, nonostante gli appelli ecumenici. Infatti, se il 27 settembre era andato in scena il ping pong fra Ferlin e Viaro, ieri si è arrivati a evocare il ricorso alla Procura della Repubblica. 

Il clima si è surriscaldato poco prima dell’approvazione unanime della prima mozione sull’emergenza ambientale, presentata dalla consigliera Valentina Boldrin-Travaglini e seguite dalle apprezzate dichiarazioni dell’assessore Valentini, quando il capogruppo Federico Amal ha lamentato la convocazione di un consiglio comunale solo per discutere gli emendamenti delle opposizioni, anziché di un’agenda “programmatica e strutturale dei lavori da deliberare”, suscitando la stizzata replica del capogruppo di “Valori in Comune”. Alessandro Ferlin ha rivendicato come non ci sia proprio nulla di strano a riunirsi per discutere le istanze della minoranza che può esercitare i propri diritti a norma di Statuto, “… semmai, la maggioranza spiegasse i ritardi nelle risposte e la mancata assistenza degli uffici nell’esercizio del mio ruolo”. 

L’apice del contrasto però si è raggiunto alla discussione della seconda mozione, quella sul “Nuovo contratto sottoscritto dall’amministrazione comunale … sul bunker bar”. In questo caso, Alesandro Ferlin ha ricordato al folto pubblico presente e ai consiglieri che la “… mozione nasce da alcune dichiarazioni non veritiere fatte dal Sindaco, sui tre bandi che sarebbero andati deserti”. A suo modo di dire, quelle dichiarazioni mascheravano “Una cortesia fatta a un privato cittadino, al quale si chiedeva la disponibilità di rendere disponibili i bagni e di aprire e chiudere i cancelli”. Ferlin ha fatto appello al segretario comunale di porre la necessaria attenzione sulla vicenda, definita “un pasticcio”, a salvaguardia della legalità ma anche per gli aspetti amministrativi anche a tutela dei funzionari comunali. In vero Ferlin ha accompagnato la denuncia con alcune proposte sulla definizione complessiva di parco S. Francesco: dalla rimozione della recinzione (mai autorizzata) che separa il parco dal bunker bar, al posizionamento di un servizio per disabili, all’integrazione del contratto di concessione per prevedere “la decadenza della concessione” in presenza di reiterate inottemperanze agli obblighi. 

La minoranza
Luigi Viaro
Federico Amal
Federico Sambinello
Alessandro Ferlin
Valentina Boldrin Travaglini
Lorenzo Valentini
Alessandro Ferlin

Pepata la replica del  Sindaco che ha definito “gravissime e irricevibili le affermazioni del consigliere Ferlin sul favoreggiamento di un cittadino”, invitando il segretario Palumbo a verificare presso le Autorità competenti se ci siano gli estremi per un’azione legale a tutela del buon nome delle istituzioni comunali, aggiungendo: “Se invece ho sbagliato e sono disonesto non merito di fare il sindaco di Lendinara”. Ferlin imperterrito ha ribadito: “E’ un fatto che i bandi non sono mai stati pubblicati!”

A quel punto Federico Sambinello ha appoggiato la necessità di fare chiarezza sulla vicenda ritenendo che “… l’atto, se verificato, sia molto grave e qualora sussistano i presupposti invito il segretario comunale ad inviare un esposto alla Procura della Repubblica, informando i capi gruppo dell’esito”. La mozione, comunque, è passata all’unanimità.

Il consiglio è poi proseguito più tranquillo, seguendo l’ordine del giorno. 

L’interpellanza presentata da Ferlin sull’iter procedurale di dismissione di alcuni armadi dell’Ufficio Anagrafe, non è stata votata. Ha replicato Francesca Zeggio cercando di spiegare la vicenda su questi mobili mai inventariati e rimossi per implementare la presenza dell’alternanza scuola/lavoro e facilitare l’accesso ai disabili. Ovviamente insoddisfatto Ferlin che ha ritenuto parziali le risposte, ricevute per altro solo dopo la sua interpellanza. 

Bocciata dalla maggioranza, con l'astensione di “Alternativa civica”, la mozione ‘Un brand per Lendinara’ presentata da “Valori in Comune”. Questa la motivazione: “Abbiamo già ‘Città Ospitale’ come brand, tuttavia siamo disponibili e aperti alla condivisione di ragionamenti sulla proposta”.

Infine, la mozione “Parcheggi rosa” presentata dalla consigliera Valentina Boldrin-Travaglini è passata con l'impegno di concedere un posto in piazza San Marco, anziché 2 come richiesto. Dopodiché la riunione è stata sciolta.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Giovedì 14 Novembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it