Condividi la notizia

COMUNE

Tari per le società sportive in arrivo

La morte dello Sport a Rovigo, zero contributi, solo qualche briciola nella passate amministrazioni, ma questa fa anche di peggio, tassa dei rifiuti per tutte le società, a lanciare l’allarme il consigliere comunale della Lega Michele Aretusini

0
Succede a:

ROVIGO - ”Il Comune di Rovigo si appresta a mettere in ginocchio lo sport, settore che, già in molti casi, fonda l'attività di associazioni e polisportive sulla buona volontà e sull'impegno quotidiano di persone che si mettono a disposizione a titolo gratuito. Persone grazie alle quali esistono realtà che sono fonte di socializzazione, di crescita e di educazione dei giovani a valori fondamentali". A lanciare l'allarme è il consigliere comunale della Lega Michele Aretusini, capogruppo in Consiglio comunale, che annuncia come molte società sportive del capoluogo e delle frazioni stiano ricevendo accertamenti per il pagamento della Tari, ossia l'imposta sui rifiuti.

Gli uffici competenti del Comune, cioè, chiedono di comunicare i dati degli impianti, da quelli catastali, al numero dei frequentatori, alle utenze aperte, al fine di determinare questa imposta. "Ci sono società - prosegue Aretusini - che hanno già alzato le mani: se saranno assoggettate a questa imposta, che mai in precedenza era stato chiesto loro di pagare, non potranno fare altro che cessare l'attività al termine della stagione. Nessuna di queste società guadagna con lo sport: si tratta di associazioni che rendono un servizio alla città e ai suoi giovani, la perdita anche di una sola di queste costituirebbe un danno gravissimo per tutti".

Nella complessa galassia sportiva della città, prosegue Aretusini, ci sono società cui mai era stato domandato un tributo di questo tipo. Ora, però, le notifiche stanno arrivando a pioggia. "Per molte società - lo ripeto - potrebbe essere una sentenza di morte". Ci sarebbe, però, prosegue Aretusini, una maniera per evitare questo esito, che potrebbe essere davvero disastroso.

"Penso all'istituzione - prosegue Aretusini - di convenzioni tra il Comune e le polisportive e associazioni sportive, così da individuare con chiarezza gli obblighi reciproci e fare in modo che il primo sostenga le attività delle seconde. Un contributo fisso a bilancio che copra la spesa della Tari in modo che il Comune non ci perda ne ci guadagni e lo stesso dicasi per le società sportive".

Articolo di Domenica 17 Novembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it