Condividi la notizia

RUGBY TOP12

Un Rovigo con una mischia devastante [VIDEO]

Due rinforzi di peso per la FemiCz Rovigo, il patron Zambelli ha presentato ufficialmente Miguel Leiger (pilone) e Lubabalo “Giant” Mtyanda (seconda linea). I Bersaglieri di coach Casellato ora sono al completo

0
Succede a:
ROVIGO - Una cosa è certa, quando Umberto Casellato avrà tutti gli effettivi a disposizione, la mischia della FemiCz Rovigo, già tra le migliori del campionato, se non la migliore, sarà devastante.
Con l’infortunio di Davide Vecchini e il problema alla schiena di Mienie, la FemiCz Rovigo aveva bisogno di un rinforzo in prima linea, tre mesi di prova, ma la sensazione è che resterà a Rovigo fino a fine stagione. Lunedì 18 novembre, nella sede della Rugby Rovigo Delta, il patron Francesco Zambelli ha presentato, con il dg Roberto Roversi, Miguel Leiger, pilone in grado di giocare sia a sinistra, dove si sente più confidente, ma anche a destra. 

L’Italio-argentino non si è presentato a mani vuote, ha portato in omaggio il libro del 75esimo del club dove ha disputato e vinto il campionato in Argentina: Los Tilos. Conosce Serafin Dengra, uno che a Rovigo ha lasciato un grande ricordo, un filo conduttore tra Rovigo e l’Argentina che è equiparabile con il Sud Africa. Tanti gli argentini che hanno vestito la maglia rossoblù, tra gli altri German Bustos, Manuel Contempomi, Juanci Legora, Juan Pablo Orlandi, Pablo Calanchini, Gabriel Pizarro, Juan Pablo Mauro, Carlyn Ayala, José Agustin Guzmán, Federico Augustin Torres.



Occasione ghiotta per presentare ufficialmente anche la poderosa seconda linea sudafricana Lubabalo “Giant” Mtyanda, ritornato in patria per un grave lutto (LEGGI ARTICOLO), dopo essere arrivato a Rovigo da poco più di 24 ore (LEGGI ARTICOLO), e rientrato in città nel fine settimana. Due metri e oltre 130 chili di potenza per garantire solidità al pacchetto di mischia. 

“Un bel momento per la nostra società - ha sottolineato il presidente Zambelli - rinforzi che abbiamo atteso, ma nel frattempo la squadra ha fatto bene in campionato, entrambi hanno voglia di dimostrare di meritare la conferma, di lasciare il segno e di entrare nelle simpatie del pubblico. Quelli che abbiamo già a disposizione hanno mantenuto alto il prestigio della Rugby Rovigo, soprattutto nella vittoria contro il Calvisano, sopperendo a qualche defezione in mischia, ora con questi due innesti il quadro si completa”.

Miguel Leiger e Francesco Zambelli
Miguel Leiger e Francesco Zambelli
Roberto Roversi, Lubabalo “Giant” Mtyanda, Miguel Leiger e Umberto Casellato
Giant, Leiger e Umberto Casellato
Roberto Roversi, Lubabalo “Giant” Mtyanda, Miguel Leiger, Umberto Casellato e Francesco Zambelli


“Adesso abbiamo una rosa molto ampia - commenta soddisfatto coach Umberto Casellato - solo cinque giocatori sono sempre stati utilizzati, abbiamo 37 atleti che possono sempre giocare, Giant e Leiger vogliono mettersi in mostra ed hanno già capito il valore di questa maglia a Rovigo”. Per vederli in campo bisognerà attendere, test fisici che verranno completati nei prossimi giorni e preparazione che potrebbe essere accelerata solo in caso di necessità. Ma come evidenzia coach Casellato “La touche ha determinate esigenze”, automatismi che non si possono apprendere in pochi giorni, e il lavoro di Niccolò Badocchi in questo inizio di stagione è sotto gli occhi di tutti.

Miguel Leiger e Giant si alleneranno tutta la settimana con gli infortunati (tra cui Menniti-Ippolito, Sironi e Ambrosini), mentre gli altri sono tutti in ferie (il campionato è fermo).
“Sono qui per dare un contributo alla squadra - ha commentato Giant - e mi sto allenando fisicamente per dare il mio meglio. L’anno scorso siamo arrivati secondi, ho saputo che abbiamo battuto proprio il Calvisano nell’ultimo match di campionato, la mia speranza è di dare un contributo per vincere la finale”.

Miguel Leiger al Battaglini si è presentato con un discreto italiano ed imparando i nomi di tutti i giocatori in rosa, anche prima di incontrarli. Fisicamente si presenta già in eccellenti condizioni, ma solo dopo i test Casellato deciderà se farlo esordire subito con il San Donà. “Mi piace il club e anche l’accoglienza che ho ricevuto a Rovigo - le parole del 22enne pilone argentino - non vedo l’ora di scendere in campo”.
                                                                                                                                                                                                                                                                                                      Giorgio Achilli
 
Articolo di Lunedì 18 Novembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it