Condividi la notizia

CONCORRENZA

Confartigianato insiste: l’Ecobonus va abrogato

L’Antitrust boccia ancora una volta lo sconto in fattura. Si conferma la fondatezza della denuncia di Confartigianato che lo ha sempre considerato distorsivo della concorrenza

0
ROVIGO - L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato boccia ancora una volta lo sconto in fattura per i lavori relativi a ecobonus e sismabonus previsto dall’articolo 10 del Decreto Crescita.
Dall’Antitrust arriva infatti un atto di segnalazione formale a Parlamento, Governo e Agenzia delle Entrate sui meccanismi di cessione degli sconti fiscali relativi alla casa nel quale si denuncia come la nascita di strumenti che impongono di gestire grandi masse di detrazioni favorisca le imprese più strutturate, a scapito dei più piccoli. E che, quindi, la norma va corretta in maniera radicale.

Si conferma così la fondatezza della denuncia di Confartigianato che ha ripetutamente sollecitato l’abrogazione del meccanismo dello sconto in fattura, indicandolo come distorsivo della concorrenza.

“Il principio per il quale le imprese devono fare credito ai loro clienti – sottolinea il presidente di Confartigianato Polesine Marco Campion – è sbagliato. Questa norma va cancellata”.
La possibilità di compensare grandi quantità di crediti fiscali crea “un vantaggio competitivo” aggiunge il presidente Campion a favore delle imprese di dimensioni più grandi: queste possono disporre di una liquidità maggiore rispetto ai piccoli e hanno una maggiore capienza fiscale. Bisognerebbe prevedere espressamente “l’impossibilità di una compensazione fiscale del credito ceduto senza alcun limite”. Bisognerebbe, cioè, imporre un tetto massimo alle compensazioni.

Non si tratta della prima segnalazione dell’Antitrust con contenuti simili. A metà giugno, infatti, un altro documento aveva auspicato la modifica delle norme in fase di conversione del provvedimento: il Dl, però, a fine giugno è stato comunque convertito, senza ascoltare le richieste avanzate dall’authority. Da allora, l’articolo 10 si è confrontato con la pratica del mercato: sono diversi i soggetti che hanno cominciato a offrire ai loro clienti l’utilizzo degli strumenti del decreto crescita. E le preoccupazioni dell’Agcm hanno evidentemente trovato conferma, tanto che adesso arriva un atto di segnalazione formale alle istituzioni.
Articolo di Lunedì 18 Novembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it