Condividi la notizia

IMPRESA

50 anni di attività festeggiati tutti insieme 

Dimensione Agricoltura di Lusia (Rovigo) celebra 50 anni di vita, i dipendenti ringraziano il fondatore Leopoldo Zuolo. Tutti insieme a festeggiare a Villa Malmignati a Lendinara

0
Succede a:

LUSIA (RO) - Figlio di agricoltori, il suo destino sembra segnato a lavorare negli orti, ma il padre capisce il valore dell’istruzione e lo avvia agli studi a Trecenta, presso la scuola a indirizzo agrario, specializzato in orticoltura.

Comincia così la storia di Leopoldo Zuolo, classe 1948, di Lusia. I dipendenti della sua azienda sono come dei figli, e i 50 anni di attività della “Dimensione Agricoltura” fondata nel 1969, non potevano che essere festeggiati in famiglia a Lendinara, presso la Villa Malmignati.

Inizia la sua attività negli anni ’70 a Lusia, epoca in cui l’agricoltura stava sostituendo rapidamente i vecchi schemi agronomici con nuove e più moderne tecniche di difesa, di concimazione, di coltivazione. La sua figura di commerciante di mezzi tecnici riesce a inserirsi in sordina, soprattutto per la consulenza che offre nel il settore orticolo del territorio che necessitava di conoscenze professionali molto specialistiche.

D’altra parte non sono mancati i sacrifici: non utilizza carrelli elevatori ma le sue braccia per spostare sacchi di concime e viaggia su un’auto “bianchina” che carica di prodotti da consegnare, alle varie aziende, senza avere né orari, né festività.

La moglie lo aiuta nel gestire il magazzino sotto casa e a raccogliere le ordinazioni dei clienti. Il padre è il suo primo contabile, per poi lasciare il posto alla sorella Rita, che purtroppo muore in giovane età.

Verso la fine di quel decennio si avvale della consulenza di un tecnico agrario esperto in frutticoltura. Questo settore all’epoca offriva in termini economici molto più dell’orticoltura. Così lentamente amplia il mercato alle zone dell’Alto Polesine e del Basso Padovano con la vendita anche di prodotti per la frutticoltura. 

Per far fronte a questi nuovi mercati apre inoltre a Badia Polesine un negozio/magazzino, e agli inizi degli anni ’80, per la contabilità che nel frattempo risultava sempre più complessa, assume la prima dipendente. Dopo un paio d’anni avrà bisogno anche di un aiuto magazziniere per le consegne, e infine nel ’91 assume un tecnico per fornire nozioni di carattere professionale (difesa integrata/biologica) offrendo un’ulteriore opportunità al sistema produttivo specializzato del luogo.

L’azienda che si ingrandisce non è per lui completa fonte di soddisfazione, ma una preoccupazione, poiché non avendo figli, sente l’esigenza di trovare una continuità dell’attività e garantire il lavoro ai dipendenti. Nel ’95 entra in aiuto un socio con il quale potrà condividere scelte strategiche ed economiche. Nel 2015 vengono aperti altri 2 punti vendita in provincia di Padova: Borgo Veneto e Candiana.

Attualmente opera nell’azienda una squadra di 24 dipendenti, con tecnici che operano a 360° dando assistenza in ulteriori settori quali viticoltura e cerealicoltura e con una logistica rapida ed efficiente. Le problematiche degli agricoltori sono la sua mission e quindi vanno risolte nel miglior modo possibile. L’attività per lui non è una semplice vendita di prodotti, ma un servizio completo che viene fatto al cliente con assistenza tecnica e normativa, analisi dei terreni e diagnostiche fogliari, e consegna diretta delle merci.

Merita anche un cenno il rapporti con i dipendenti con i quali è sempre riuscito a ispirare la passione per il lavoro, con un forte senso di responsabilità. Inoltre con le dipendenti  è sempre stato comprensivo per la gestione familiare dei figli, concedendo elasticità negli orari e part-time. Proprio per la sua sensibilità nei confronti dei dipendenti ha voluto festeggiare i suoi 50 anni di attività con le loro famiglie, che a dir suo sono soggette agli umori che si portano a casa, dopo una giornata di lavoro e di difficoltà. Nonostante un’attività molto sviluppata ed espansa, anche nelle varie province limitrofe, è sempre rimasto persona semplice e generosa.

La lettera
Caro Leopoldo,
il segreto del successo è pensare al lavoro come un’opportunità da esplorare piuttosto che qualcosa di noioso. Oggi per lei è un giorno speciale che ho il piacere di ricordare e condividere anche se solo spiritualmente. 

Si festeggia oggi il cinquantesimo anno di attività dell’azienda Zuolo Leopoldo e sono felice di rivolgere un pensiero a tutti coloro i quali hanno preso parte alla sua storia. Storia di un giovane che seppe imporsi nel lavoro, nella vita e nella società per oltre dieci lustri, cosa sempre più rara al giorno d’oggi. Leopoldo, al secolo Poldo così tutti lo chiamano.

Cinquant’anni, mezzo secolo, sembra ieri.

Sono stati 50 anni di obiettivi mirati, scelte e cambiamenti talvolta audaci; 50 anni di impegno costante con tante amarezze e altrettante soddisfazioni. Tuttavia, caro Poldo voglio considerare questo anniversario essere solo la prima tappa del percorso che ha intrapreso tanti anni fa. Sono convinto, conoscendo il suo carattere, che non smetterà perché vi sono altre tappe da raggiungere caratterizzate sempre con lo stesso entusiasmo e con la stessa tenacia che hanno contraddistinto la sua carriera fin dagli inizi. Poldo ricordo i primi anni della sua attività, quando cioè mi accompagnava nelle aziende ad offrire la nostra collaborazione tecnica. Aveva sempre l’elenco in mano del percorso che si doveva fare. Era teso, aveva paura di sbagliare, ma era cosciente del ruolo che si era prefissato: quello cioè di aiutare gli ortolani nella loro difficile attività essendo anch’egli “figlio d’arte” e quindi conoscitore delle problematiche che impegnano tutt’ora gli agricoltori. Amico mio, la vedevo transitare per le vie di Lusia a bordo della sua Bianchina. Povera macchinina, quanto ha lavorato, era sempre sovraccarica di antiparassitari! Arrancava fra le capezzagne, i campi e i frutteti con ogni tempo; non c’erano orari, non esistevano i giorni di festa, anche il giorno di Pasqua e più di una volta insieme abbiamo risposto alle chiamate. Erano anni difficili, la concorrenza era spietata, i mezzi tecnici pochi, ma nonostante tutto, lei guardava con entusiasmo al futuro e il futuro ora è quello che ha realizzato in tutti questi anni. Un’azienda all’avanguardia dei tempi che affonda le radici nel lontano 1969 e che ha saputo diventare quello che oggi è Dimensione Agricoltura, gruppo di lavoro di cui ne è fieramente il capo. Partendo da quegli anni con l’acquisto dell’auto e con un investimento di una piccola somma, ma enorme per quei tempi, ha incominciato l’attività di rivenditore di antiparassitari. Nel 1973, con le sue capacità è riuscito ad aprire il negozio di Badia Polesine dando inizio al commercio allargato di antiparassitari non solo per l’area di Lusia, ma per la gran parte del medio e alto Polesine e della bassa padovana. Personalmente la seguivo per la parte tecnica e la vedevo crescere culturalmente e tecnicamente anno dopo anno al punto da riuscire a risolvere autonomamente i diversi problemi fitoiatrici.  Bravo Poldo.

Le cose con gli anni sono cambiate e con esse anche le persone. Ora l’agricoltore non ha più la necessità di avere l’assistenza oserei dire giornaliera, ma avere un punto dove trovare ciò di cui ha bisogno, vale a dire una gamma completa di prodotti, in quello che è definito il core business (attività continua). Lei ha capito che si doveva cambiare, si doveva adottare nuove basi di fare impresa e trasformare un’idea in un business, proprio come realizzare un sogno di bambini nella realtà del mondo adulto. Caro Poldo aveva visto bene. L’insieme delle scelte, le opportunità e le decisioni prese, lo hanno portato a diventare quello che oggi si definisce un imprenditore di successo. Complimenti!

Tramutare un’idea in un business non è sufficiente nella realizzazione di un progetto: un imprenditore e un’azienda non possono mai definirsi “arrivati” e tale considerazione rispecchia pienamente la sua politica imprenditoriale così da rimanere al passo con i tempi e secondo le esigenze provenienti dal mercato, avendo come obiettivo la continua crescita.  Ecco che allora la meta diventa, ancor prima che un’idea di business, un obiettivo personale, la spinta a gettare il cuore oltre l’ostacolo riuscendo ad avere sempre la tenacia di provarci. È proprio questa caparbietà perseguita da lei che lo ha spinto ad ottenere i risultati che possiamo vedere oggi, senza mai rinunciare o mollare di fronte alle difficoltà. 

Il connubio di queste caratteristiche, assieme all’affidabilità e alla qualità elevata del servizio che offre, fanno di Dimensione Agricoltura un’azienda di successo che corona con foglie di alloro il suo cinquantesimo anno di attività. 

Auguri per il suo strameritato successo da 

Goffredo Nardo

Articolo di Domenica 24 Novembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it