Condividi la notizia

CASO IRAS ROVIGO

Gaffeo: "Su Casa Serena servono approfondimenti, il nodo di Iras sarà sciolto entro fine anno"

Il sindaco Edoardo Gaffeo è vicino a sottoporre alla propria maggioranza almeno due strade per cercare di salvare i conti della Casa di riposo, i lavoratori e gli ospiti

0
Succede a:
ROVIGO - Il sindaco di Rovigo Edoardo Gaffeo invita alla calma sulla questione del caso Iras Rovigo, la casa di riposo che da anni soffre di conti in deficit milionari, tanto che è commissariata dalla Regione Veneto e che vede nell'operazione immobiliare di Casa Serena una salvifica boccata d'ossigeno, almeno fino a quando non venga definito un nuovo piano industriale con la Regione Veneto, deputata al controllo sull'Ente.
"L’amministrazione sta attivamente lavorando per risolvere la questione dell’Iras - ha affermato il sindaco Gaffeo - la soluzione merita un approfondimento".

Il comune di Rovigo è parte in causa in quanto l'immobile di Casa Serena è di proprietà comunale, in uso, gratuitamente ad Iras secondo una convenzione in essere e lontanissima dalla scadenza.
L'immobile interessa ad Ater che sarebbe disposto ad acquisirlo, ma la liquidazione della compravendita spetterebbe al Comune di Rovigo che poi non riuscirebbe a "girare" quanto realizzato ad Iras, se non contribuento economicamente per una serie di servizi resi da Iras stessa al Comune.
Su questo scenario si pongono delle problematiche di carattere patrimoniale a cui bisognerà dare risposta: la prima riguarda il valore con cui l'immobile è iscritto a bilancio comunale, la seconda invece riguarda il valore che può avere l'immobile oggi, con o senza la convenzione con Iras ancora vigente.

Altri approfondimenti riguaradano anche i rapporti tra Ater, l'acquirente, ed Iras che potrebbe diventare il venditore nel caso in cui Iras ricevesse l'immobile in proprietà, completamente o almeno in parte da parte del Comune di Rovigo. Ancora si pongono questioni patrimoniali per il Comune che vedrebbe privarsi di una posta già iscritta a bilancio, a quale valore?.

Appare evidente che solo un accordo a quattro tra Regione Veneto per i servizi, Iras, Ater e Comune, potrebbe dirimere la questione cercando di salvaguardare tutte le parti in causa.
"Ringrazio le parti con cui stiamo lavorando fattivamente alla soluzione: Regione del Veneto, Ater e Iras - afferma il sindaco Gaffeo - perché serve collaborazione per trovare una soluzione sostenibile".

Gaffeo ha ricordato di aver informato tutti i consiglieri di maggioranza fornendo loro un dossier sullo stato dell'arte del "caso Iras" e di aver fatto un passaggio con i capigruppo del consiglio comunale di giovedì scorso.

Operazione trasparenza quindi per la amministrazione Gaffeo e ipotesi di soluzione prima dello stop amministrativo per le festività natalizie.
Articolo di Lunedì 25 Novembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it