Condividi la notizia

L’INIZIATIVA

Grande entusiasmo per la comitiva polesana 

I soci del “Club Frecce Tricolori Bergantino” (Rovigo) hanno fatto visita al 4° Stormo caccia Amedeo d’Aosta uno dei più importanti Reparti dell’Aeronautica Militare Italiana all’aeroporto di Grosseto

0
Succede a:

GROSSETO - Sono state emozioni straordinarie quelle vissute, nei giorni scorsi, dai soci del “Club Frecce Tricolori Bergantino” in visita al 4° Stormo caccia Amedeo d’Aosta, alle cui dipendenze sull'aeroporto di Grosseto operano il 9° Gruppo CIO (Caccia Intercettori Ognitempo) con i velivoli F-2000A e il 20° Gruppo AO (Addestramento Operativo) con F/TF2000A. 

Il 4° Stormo è uno dei più importanti Reparti dell’Aeronautica Militare Italiana, nonché della struttura di Difesa Europea della NATO. Il compito istituzionale del 4° Stormo è il controllo e la sorveglianza dello Spazio Aereo per la Difesa del nostro Paese. Nello specifico, il Reparto è impegnato nel servizio di allarme dello spazio aereo, 365 giorni all'anno, 24 ore al giorno, attraverso l'impiego del velivolo Eurofighter e l'impegno continuo degli uomini e donne dello Stormo. A seguito degli attentati terroristici dell'11 settembre 2001, la sorveglianza dei cieli italiani è divenuta un'attività prioritaria di eccezionale importanza. In varie occasioni i piloti del 4° Stormo, con i velivoli EF-2000, sono intervenuti per svolgere la missione assegnata al Reparto, caratterizzandosi per la professionalità e per la rapidità di intervento.

La comitiva polesana, composta da 56 persone e guidata dal presidente Giorgio Ravelli e dal vice-presidente Davide Cuoghi, è stata ricevuta in aula briefing per i saluti di benvenuto dal Comandante del 4° Stormo, il colonnello pilota Urbano Floreani, il quale dopo un breve discorso ha ringraziato i partecipanti per l’importante supporto di vicinanza e attaccamento all’Aeronautica Militare nell’assolvimento dei prioritari compiti Istituzionali. Trasferita in linea volo dove si svolge la quotidiana attività operativa, la comitiva ha assistito ai primi decolli della mattinata e in seguito ha potuto osservare da vicino l’importante e avveniristica sagoma dell’Eurofighter EF-2000 “Typhoon” (Leonardo).

“Condotti nell’aula briefing del 9° Gruppo CIO - spiega Giorgio Ravelli - il personale militare ci attendeva per la proiezione di un filmato rappresentativo dell’attuale attività operativa del Reparto. Ritornati in “linea volo”, ci è stata data l’opportunità di visitare l’imponente struttura del 20° Gruppo AO dove tra le varie componenti tecnico-logistiche, come la sala vestizione dei piloti, esiste anche uno dei più importanti simulatori di volo d’Europa per la formazione e l’addestramento operativo dei piloti sul velivolo Eurofighter EF-2000 “Typhoon”. Nel contempo un'altra sezione di voli si stava preparando al decollo, in missioni di addestramento della durata variabile a seconda delle quote previste dal piano di volo e dei relativi consumi”. 

Per le straordinarie emozioni vissute il presidente Giorgio Ravelli ha conferito una vetro-cornice del Club al colonnello pilota Urbano Floreani, Comandante il 4° Stormo. Un caloroso ringraziamento è stato rivolto al Personale Militare dei Gruppi Volo 9° e 20° per la splendida accoglienza e sono state conferite alcune pubblicazioni del Club, con la brochure delle Frecce Tricolori 2019, al 1° luogotenente Salvatore Fiorillo per il prezioso supporto logistico fornito da oltre 12 anni dall’Ufficio Comando, al 1° maresciallo Francesco Spina e al luogotenente Maurizio Gaudino per la collaborazione costante. Un ringraziamento particolare è stato rivolto a Paolo Camorani in rappresentanza delle Associazioni Aeronautiche di Lugo, in provincia di Ravenna. 

 

 

Articolo di Martedì 26 Novembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it