Condividi la notizia

CALCIO

L'Italia giovane di Roberto Mancini punta a Euro 2020

Dieci vittorie su dieci nel girone di qualificazione, come mai era accaduto

0
ROVIGO - La Nazionale di Mancini non ha trovato sulla sua strada avversari troppo ostici né insuperabili, ma ha portato a casa dei risultati che mai prima nella storia c'erano stati. Il maggior merito di Roberto Mancini è stato quello di aver portato grande passione attorno alla Nazionale, cosa che non accadeva da tanto temo, vista l'incredibile qualificazione mancata ai Mondiali di Russia 2018 sotto la gestione di Gian Piero Ventura.

Un altro grande pregio della gestione Mancini è quello di aver portato in maglia azzurra tantissimi giovani, che hanno formato - e formeranno - uno zoccolo duro importante, capace di esserci già ai prossimi Europei. Basti pensare a Zaniolo, convocato quando non aveva ancora esordito in Serie A. L'ultimo arrivato è stato Andrea Cistana, difensore del Brescia, ma sono tanti i ragazzi che possono costruire tanto, assieme a qualcuno più esperto, in questa nazionale. Parliamo di gente come Sandro Tonali, da molti definito il "nuovo Pirlo", anche se lui dice di essere più vicino a Gattuso, oppure a Nicolò Barella, pilastro della nuova Inter di Antonio Conte. Mancini ha fatto esordire anche Giovanni Di Lorenzo, meno giovane rispetto agli altri ma che è da poco arrivato nel calcio dei grandi, al Napoli dopo una grande stagione all'Empoli. Ora, dunque, c'è bisogno di metterli assieme, amalgamandoli ovviamente a gente più esperta come Bonucci, magari Chiellini, che dovrebbe farcela per l'Europeo, Jorginho, Insigne e gli attaccanti Belotti e Immobile.

Favoriti per la vittoria finale? Diciamo più una outsider di lusso. L'Italia non parte di certo alla pari di squadre come la Francia campione del mondo, il Portogallo campione d'Europa o le sempre temibilissimi Spagna e Germania, ma le sue quote per la vittoria di Euro2020 sono cresciute notevolmente. L’Italia potrà sicuramente giocarsi le sue carte, un po' come nell'ultima kermesse internazionale in Francia, quando gli azzurri di Antonio Conte si arresero soltanto ai rigori ai quarti di finale contro la Germania dopo una grandissima competizione, in cui avevano battuto Belgio e Spagna.
Il prossimo sabato 30 novembre ci saranno i sorteggi per la fase finale di Euro 2020. L'Italia sarà nell'urna 1, come testa di serie, assieme a Belgio, Inghilterra, Germania, Spagna e Ucraina. Gli azzurri di Mancini giocheranno in casa il girone. In seconda fascia c'è lo spauracchio Francia, assieme a Polonia, Svizzera, Croazia, Olanda e Russia, mentre in terza fascia c'è il temibilissimo Portogallo di Cristiano Ronaldo, campione in carica, assieme a Turchia, Danimarca, Austria, Svezia e Repubblica Ceca. In ultima fascia Galles, Finlandia e le quattro vincenti dei playoff. Sono state sorteggiati gli accoppiamenti di questi ultimi, che vedranno quattro squadre vincere le rispettive leghe A, B, C e D.

Nella Lega A, la vincente di Irlanda e Romania sfiderà quella tra Bulgaria e Ungheria, determinando dunque la prima qualificata.
In Lega B gli accoppiamenti hanno visto la Bosnia (che non si era qualificata come seconda nel girone dell'Italia) contro l'Irlanda del Nord; la vincentra tra le due affronterà, nella finale di lega, quella tra Slovacchia e Irlanda.

In Lega C ci sarà Scozia-Israele e Norvegia-Serbia, mentre dai playoff di Lega D uscirà fuori una Nazionale che non ha mai partecipato a un europeo. Sarà, infatti, la prima volta per Georgia, Bielorussia, Macedonia o Kosovo, che si affronteranno rispettivamente in semifinale e poi in finale.
 
Articolo di Mercoledì 27 Novembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it