Condividi la notizia

BASKET PROMOZIONE MASCHILE

Rossoblù schiacciasassi

Cipriani Rovigo in vetta con una media di 21,6 punti di scarto sulle avversarie. Tanti giovani stanno crescendo, da Enrico Motton, Francesco Argenziano, e Francesco Prosdocimi, che ha cominciato a giocare da poco

0
Succede a:
Tiberio
Prosdocimi
Motton
Grignolo
Gobbo
Argenziano

ROVIGO - Piace sempre di più questo Cipriani Nuovo Basket Rovigo che con grande orgoglio, partita dopo partita, sta portando il nome della propria città sempre più in alto. La Rovigo della palla a spicchi continua a vincere. Lo ha fatto venerdì sera, in trasferta, per la nona volta su nove partite giocate. Lo sta facendo in un campionato regionale, inserita nel Girone C, con addirittura 70 squadre venete. Mica uno scherzo!

Le Pantere di coach Maurizio Ventura stanno rifilando una media di 21,6 punti di scarto e, se si osservano tutte le altre statistiche, la tabella di marcia è ancora più impressionante. Eppure, in casa Cipriani, dal presidente Gionata Morello sino al tecnico Ventura, si continua a tenere i piedi per terra e, con umiltà, si compie un passetto dietro l’altro.

“Essere primi in classifica – conferma coach Ventura - non dà diritto a niente. Anche contro Conselve, penultima della classe, si iniziava sullo zero a zero. I ragazzi mi sono piaciuti perché hanno avuto il giusto approccio scendendo in campo, ad inizio gara, come se di fronte avessimo la squadra più forte del campionato. Loro lo sanno: se hai degli obiettivi importanti, non bisogna avere grilli per la testa”. Per la cronaca, il Cipriani ha iniziato con un parziale, in meno di metà quarto, di 22 a 2, terminando i primi 10’ di gioco sul 32 a 13.

“Positivi gli 81 punti realizzati. – continua il tecnico bolognese – E’ vero che giocavamo contro la peggior difesa del campionato, ma contro Conselve hanno giocato tutti ed ognuno ha dato il contributo richiesto, se non realizzando punti, contribuendo con difesa o passando la palla nel migliore dei modi”. Peccato per il 2001 Enrico Motton, infortunatosi dopo pochi attimi di gioco. Bene Francesco Argenziano, altro giovane (2002) che risponde presente alle chiamate di coach Ventura: “La nostra squadra è composta per il 99,9 per cento da atleti rodigini o polesani, con una media anni davvero bassa. Vorrei segnalare gli otto minuti in campo, contro Conselve, di Francesco Prosdocimi, un altro ragazzo polesano del ’97 che ha iniziato a giocare a basket da pochi mesi. In Prosdocimi, alto 205 cm, crediamo davvero molto e, continuando a lavorare sodo come sta facendo, sarà un’altra Pantera per i prossimi anni. La gara con Conselve ha un’altra nota particolarmente piacevole ed è il rientro di Alberto Grignolo dopo un lunghissimo infortunio. Grignolo, altro rodigino del ’98, è un elemento importantissimo per il Rovigo di questa stagione e di quelle che verranno”.

Da lunedì sera, il Cipriani sarà al lavoro per preparare il match contro la Virtus Cave Padova, ultima in classifica ancora a zero punti, che verrà al palasport di Rovigo venerdì (ore 21:15).

Articolo di Lunedì 2 Dicembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it