Condividi la notizia

GIARDINI DEL CASTELLO

Rovigo dall'alto: Ultimati i lavori per salire su torre Donà

Terminati i lavori per la salita del pubblico in cima alla torre medioevale del complesso architettonico del castello di Rovigo. Nel 2020 ricorre l'anniversario per la storia della città. L’amministrazione Edoardo Gaffeo intende festeggiarne i 1.100 anni

1
Succede a:

ROVIGO - Terminati i lavori per la risalita a Torre Donà, considerata tra le più alte torri italiane di origine medievale, con i suoi 51,26 metri di altezza. La settimana scorsa sono state accesi i punti luce supplementari per illuminare l'accesso all'ingresso della torre, sul retro rispetto a piazza Matteotti. I lavori interni sono finiti, manca solo il collaudo delle nuove strutture che avverrà a giorni. 
Progettista incaricato dell'esecutivo e della direzione lavori e' stato l'architetto Marco Bressanin che ben conosce il complesso monumentale del castello di Rovigo, considerato l'emblema della storicità urbana di Rovigo e della dominazione Estense, lungo tutto l'arco del periodo medievale, a seguire il cantiere dagli uffici comunali l’ingegnere Federico Modonesi.

L'apertura al pubblico di torre Donà non dovrebbe tardare fermo restando che "rimane da valutare la modalità di accesso in sicurezza - spiega il vicesindaco Roberto Tovo - che dobbiamo regolamentare in base alle caratteristiche della torre dopo questo intervento".

Invece sono programmate a ottobre 2020 le celebrazioni per i 1.100 anni del Castello. Un anniversario importante e strategico che l'amministrazione di Edoardo Gaffeo sindaco ha deciso di "giocarsi" nel migliore dei modi.

I recenti lavori sono costati 195mila euro grazie ad un finanziamento di Gal Polesine Adige ottenuto da Avepa pari a 152mila euro e il contributo complessivo da bilancio comunale di 42.860 euro.

Articolo di Lunedì 2 Dicembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it