Condividi la notizia

RUGBY

Andrea Bacchetti all’esordio stagionale, Giant in mischia da subito

Per gara 1 di semifinale di Coppa Italia, la FemiCz Rovigo, contro il Viadana, ritrova Andrea Bacchetti, l’ex golden boy entrerà nella ripresa. Mantovani con gli ex Bronzini e Apperlery

0
Succede a:
Andrea Bacchetti

ROVIGO - L’ex golden boy Andrea Bacchetti, per tutti il vero sindaco di Rovigo, sabato 7 dicembre alle 15, allo stadio Battaglini, farà il suo esordio in maglia rossoblù. Un ritorno nella sua città a 31 anni. Non è più un ragazzino, ma il suo cuore rossoblù pulsa come quello di un ventenne. Il 27 aprile 2019 la sua ultima partita nella Fiamme Oro, una scelta di vita fatta prima dell’arrivo del duo Frati-De Rossi a Rovigo (stagione 2013-2014). L’ingresso nel gruppo sportivo della Polizia di Stato gli ha garantito un futuro, prossimamente presterà servizio nella Questura della sua città.

Oltre 200 presenze nel massimo campionato italiano, ha vestito tutte le maglie azzurre disponibili fino al palcoscenico internazionale del Sei Nazioni. Meglio di lui, nel recente passato, ha fatto Nicola Bibi Quaglio che ha partecipato al  Mondiale in Giappone, ma per chiunque sia partito dal Battaglini, il sogno è di ritornarci. Così è, e così sarà.

Una vendetta da consumare, la terribile finale scudetto del 2011 contro il Petrarca Padova da cancellare (Andrea Bacchetti segnò anche una meta), ma intanto l’esordio in Coppa Italia, la stessa competizione che il poliziotto ha vinto proprio contro la sua Rovigo. Non giocherà subito, sono sei mesi che non disputa un match, tra il corso in Polizia e il lavoro, non ha avuto modo di allenarsi costantemente con la squadra, ma entrerà nella ripresa.

Leggi l'articolo sulla prevendita
Leggi l'articolo sugli arbitri di Coppa Italia
Leggi l'articolo sul calendario della Rugby Rovigo 

Avversario al Battaglini il Viadana, squadra che in semifinale di Coppa Italia c’è arrivata con merito. Coach Casellato ha dichiarato che è un obiettivo, e pertanto schiererà la migliore formazione possibile, contando anche su recuperi importanti, in primis Andrea Menniti-Ippolito.

Pack decisivo nella prima parte di stagione, FemiCz Rovigo che è ancora imbattuta in Coppa Italia e in campionato, per questo si punterà sulla fisicità di Giant Mtyanda. Per la prima volta la poderosa seconda linea sudafricana giocherà da titolare dopo l’ottimo esordio con il San Donà (20 minuti nella ripresa per lui).

Il pilone argentino Ligier dovrebbe partite dalla panchina, ma poco importa, fin qui la prima linea ha sempre garantito ottima qualità, a prescindere dalle scelte imposte da una logica turnazione imposta anche da squalifiche, infortuni e minutaggi.

Tre quarti che finalmente ritrovano anche Cioffi e Antl, contro il San Donà coach Casellato aveva dovuto fare a meno di chi conosce a memoria il gioco impostato in un anno di lavoro, e i problemi si sono visti. L’argentino è l’unico in grado guadagnare la linea del vantaggio con estrema facilità, nel suo ruolo è insostituibile, ritorna dopo un infortunio, e la sua assenza è pesata  come un macigno. Dirigerà Angelucci di Livorno, per Rovigo è fondamentale vincere bene gara 1, per un ritorno di semifinale senza pensieri. Ci sarà solo una settimana tra una sfida e l’altra, aspetto da non sottovalutare anche per il recupero di eventuali infortunati.

Sul fronte del Viadana di Jimenez due volti noti ai tifosi rossoblù, Giorgio Bronzini, scudettato nel 2016 con la FemiCz Rovigo, e l’estremo Keanu Apperley che al Battaglini non ha avuto fortuna.

Bronzini, tra l’altro, è stato protagonista con gli eroi azzurri di Firenze nel match con il Sua Africa, sempre nel 2016. Nel frattempo l’Italrugby è rimasta al palo, gli Springboks in tre anni hanno ricostruito una nazionale vincente conquistando il Mondiale in Giappone.

Giorgio Achilli

 

Articolo di Giovedì 5 Dicembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it