Condividi la notizia

DECORO URBANO ADRIA

Micheletti: "Il danno all'immagine di Adria provocato da Forza Italia è incalcolabile"

L'assessore Andrea Micheletti replica alla critica di Giorgio Crepaldi, esponente del partito di Forza Italia Adria (Rovigo)

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - Dopo la critica fatta dall'esponente di Forza Italia, Giorgio Crepaldi sul decoro urbano di Adria (LEGGI ARTICOLO), arriva la replica dell'amministrazione comunale e in particolare dell'assessore Andrea Micheletti. "Siamo grati all’esponente di Forza Italia Giorgio Crepaldi per il suo intervento sulla stampa. Senza questo tipo di articoli infatti, ci dimenticheremo del tutto dell’esistenza di questa forza politica ad Adria, che già piange consensi livello nazionale".

"Ancor più grati siamo dell’opportunità che l’esponente ci dà per riflettere su quanto profonda sia l’inconsistenza dell’azione di opposizione di quel partito, che non fa che sottolineare carenze senza proporre mai soluzioni". Così l'amministrazione comunale, che poi prosegue con l'appunto dell'assessore Andrea Micheletti. 

“Quando abbiamo iniziato ad amministrare la città - afferma Micheletti - abbiamo trovato in eredità una situazione allarmante dal punto di vista della gestione dei rifiuti in centro storico, con cassonetti posizionati nelle piazze del centro e nei punti di accesso alla città. Il danno d’immagine e di reputazione che la città ha subito negli otto anni in cui Forza Italia è stata al timone della città è incalcolabile, se si tiene conto anche dei rappezzamenti di asfalto che deturpavano il porfido nelle vie centrali e i ponteggi caduti nel dimenticatoio in pieno centro storico".

"La scelta di eliminare le isole ecologiche è una scelta di civiltà che responsabilizza i cittadini e guarda ad una città turistica che ritrovi la sua identità di salotto del Delta”. 

"L’accesso all’isola ecologica in piazza Bocchi è riservato alle attività dell’asse centrale del corso e agli utenti che per motivazioni particolari non riescano a svolgere la differenziata domestica. Il fatto che in alcuni momenti la situazione diventi critica non dipende né dalla sua posizione né dalle scelte di razionalizzazione fatte, ma dalla mancanza di senso civico di alcuni cittadini che pur avendo la possibilità di fare la differenziata domestica e pur pagando la Tari preferiscono utilizzare le isole ecologiche come un ecocentro".

“Il problema sollevato dal partito di Berlusconi - continua l’assessore Andrea Micheletti -  è un problema che può essere risolto solo con un’azione eterodiretta, ma solamente con un esercizio di senso civico ed educazione ambientale che passi per le scuole per le famiglie e che diffidi di un populismo becero disposto a strumentalizzare qualsiasi criticità pur di conquistare un po’ di visibilità. L’Amministrazione sta comunque valutando una soluzione più efficace per la gestione dei rifiuti nel centro cittadino, attraverso la costruzione di un’isola ecologica meno vicina alle abitazioni, più moderna e sicura.”

"Il regolamento sul decoro urbano, per il quale torniamo a ringraziare tutto il consiglio comunale per i contributi emersi, non è nel cassetto delle dimenticanze ma è ripassato al vaglio della maggioranza e degli uffici, e presto approderà nuovamente in commissione per un dibattito democratico verso il quale questa maggioranza civica, contrariamente a quanto avveniva in passato, non ha mai avuto timori"
 
Articolo di Domenica 8 Dicembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it